Il commercio cala, la spesa in campagna cresce

La vendita diretta del produttore in campagna o nei mercati degli agricoltori nel 2009 e’ l’unica forma di distribuzione commerciale che ha registrato una crescita, battendo nell’alimentare negozi, hard discount e ipermercati grazie ad un incremento dell’11 per cento del valore delle vendite per un totale stimato in 3 miliardi di euro. E’ quanto sottolinea il presidente della Coldiretti, Sergio Marini in occasione della divulgazione dei dati Istat sul commercio al dettaglio relativi al 2009 che evidenziano un calo del 1,5 per cento per gli alimentari. ”Si tratta – sottolinea la Coldiretti – di un fenomeno in controtendenza rispetto alla crisi generale perché concilia la necessità di risparmiare con quella di garantirsi la sicurezza del cibo. Tra le motivazioni di acquisto dell’indagine Swg/Coldiretti spicca infatti la genuinità (71 per cento) seguita dal risparmio (40 per cento) e dal gusto (26 per cento)”. Nel 2009 sono saliti a 63.600 con un aumento boom del 64 per cento rispetto al 2001 e del 7 per cento rispetto al 2008, i frantoi, le cantine, le malghe e le cascine dove e’ possibile comperare direttamente, secondo il rapporto dell’Osservatorio sulla vendita diretta delle aziende agricole promosso da Coldiretti e Agri2000. Un vero e proprio boom hanno avuto i mercati degli agricoltori di Campagna amica che nel 2009 hanno raggiunto le 500 unita’ e sono presenti in tutte le regioni italiane. La spesa in campagna riguarda per ben il 41 per cento, conclude la Coldiretti, l’acquisto di vino in cantina, per il 21 per cento l’ortofrutta, per il 14 per cento formaggi e latte, per l’8 per cento carni e salumi, per il 5 per cento l’olio di oliva e altrettanto per le piante ornamentali. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.