Il declino degli spirits: gli italiani preferiscono i cocktails


Segnali di metamorfosi nella cultura del bere in Italia: gli spirits “puri” (cioè i prodotti che si bevono da soli) come grappa, whisky, cognac, brandy e amari perdono consensi di fronte ai liquori da miscelazione (vodka bianca, rum, tequila e cachaça), base per i coktails. Secondo una ricerca elaborata da Forum Aquavitae, centro di ricerca internazionale sugli spirits, nel 2010 le vendite nella grande distribuzione dei “puri” (54% del mercato degli spirits) ha subito una flessione del 3%, a fronte di una crescita dei “mix” (15% mercato) dell’1,9%. In declino anche creme, vodke aromatizzate, prodotti a base di liquirizia e di frutta in generale (30% mercato; -1,4%). La grappa in particolare, acquavite italiano per eccellenza, ha chiuso il 2010 con un calo delle vendite del 2,8%, attestandosi a un valore di 100 mln di euro nella grande distribuzione. “Il settore del bere puro – ha commentato Antonio Gozio, presidente del Forum Aquavitae – conosce effettivamente un momento sfavorevole rispetto al passato. Bisogna lavorare maggiormente sulla cultura del consumatore finale”. Il mercato delle acqueviti e dei liquori nella Gdo ha perso nel 2010 il 2% del valore, per un totale di 700 mln di euro.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.