Il Gorgonzola Dop non sente la crisi. Export +12%

In Francia, Svizzera, e Gran Bretagna il gorgonzola italiano è sempre piaciuto. Una passione smodata al punto che Churchill segnalòla città di Gorgonzola in tutte le mappe e chiese ai cacciabombardieri britannici di risparmiare la città dove veniva prodotto il suo formaggio preferito. Oggi il Gorgozola Dop, terzo formaggio italiano per volumi e valore dopo Grana Padano e Parmigiano Reggiano e tra i più imitati al mondo, mantiene saldo – nonostante la crisi – il mercato italiano, dove negli ultimi 4 anni i consumi crescono costantemente dello 0,5% e vola con incrementi a due cifre all’estero dove segna un rialzo dell’export del 12%. A fare il punto sul mercato di questa Dop casearia, in occasione di ‘Apertamente’ promossa da Federalimentare e Miur, Marco e Chiara Gelmini, produttori del gorgonzola 5 Stelle, “un nome e un marchio bipartisan.Prima col ministro, ora con Grillo qualche imbarazzo c’é, ma sono solo coincidenze” assicurano i due giovani fratelli, che continuano un’attività di famiglia avviata nel 1880. “In Italia – precisano – il gorgonzola muove un giro d’affari di 500 milioni di euro, con una produzione che supera i 4 milioni di forme, pari a circa 500.000 quintali nel 2011”. Su dieci forme commercializzate, 9 sono di dolce e 1 di piccante. Tra i motivi di successo del gorgonzola è l’alta digeribilità (gli enzimi delle muffe di fatto lo predigeriscono), l’alto contenuto di minerali e vitamine, e soprattutto l’assenza di lattosio che lo rende presente nella dieta di chi soffre di intolleranze alimentari. Il gorgonzola ha anche un suo santo protettore, San Lucio, il cui culto cominciò nell’800 e al gorgonzola è anche dedicato un quadro nella chiesa di San Bernardino alle Ossa a Milano. “Oggi – sottolineano Marco e Chiara Gelmini – il nostro gorgonzola Dop ha nuove frontiere: oltre all’Europa, gli Stati Uniti, la Russia, il Sudafrica, e il Brasile”. Viene prodotto esclusivamente in Lombardia e in parte del Piemonte. “Siamo la prima azienda tra gli artigiani, con una lavorazione gran parte manuale” ricordano i Gelmini che hanno 40 dipendenti e producono anche con marchi della distribuzione moderna come Iper-la grande I, Crai, e più recentemente Famila e Auchan. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.