Il Po monitorato

La Regione Emilia-Romagna sta monitorando, avvalendosi del supporto di Arpa, le acque del fiume Po fino al mare Adriatico per verificare gli eventuali danni causati agli ecosistemi acquatici dallo
sversamento accidentale di idrocarburi avvenuto nel fiume Lambro nel
febbraio 2010.
Le rilevazioni fanno seguito ad un protocollo sottoscritto a fine 2010 con l’Autorità di bacino del fiume Po, le Regioni Lombardia e Veneto, i parchi regionali del Delta del Po e l’Istituto di ricerca sulle acque
del CNR (IRSA-CNR) che prevede la valutazione delle conseguenze dovute allo sversamento di idrocarburi, con particolare attenzione ai potenziali effetti tossici sugli ecosistemi acquatici presenti nel fiume, nelle acque di transizione e marino-costiere e l’approfondimento delle conoscenze sugli impatti che i diversi corpi idrici monitorati possono avere subito.
“L’inquinamento prodotto dallo sversamento di sostanze nocive nel Lambro – ha commentato l’assessore regionale all’ambiente Sabrina Freda – è stato un evento eccezionale. Il monitoraggio delle conseguenze richiede quindi uno sforzo di ricerca ampio, complesso e coordinato con le altre Regioni coinvolte perché l’incidente del 2010 non è riconducibile né ad analoghe esperienze né a situazioni pregresse a cui potersi rifare”. L’indagine di Arpa affianca e completa quella condotta nella prima fase di emergenza ambientale e ha anche l’obiettivo di individuare eventuali azioni di bonifica e riqualificazione dello stato di salute delle acque
coinvolte nell’inquinamento accidentale. Sono oggetto della valutazione i parametri idrologici, morfologici e chimico-fisici delle acque, la flora, la fauna acquatica e la popolazione ittica del fiume fino alla sua foce, comprese le aree protette sul delta del Po. Parte delle indagini sono svolte in collaborazione con le altre Regioni coinvolte, che si avvalgono ugualmente delle agenzie ambientali (ARPA), con il supporto tecnico-scientifico di IRSA-CNR. Gli enti firmatari del protocollo garantiranno la massima trasparenza e la più ampia diffusione dei risultati, anche al fine di tutelare le attività economiche presenti in quelle aree e legate agli usi delle acque, in particolare acquacoltura e pesca.

Tags:

3 Commenti in “Il Po monitorato”

Trackbacks

  1. Il Po monitorato | Osservatorio Ambientale
  2. WWF Rovigo » Il Po monitorato – Con i piedi per terra
  3. Terre del Delta del Po » Il Po monitorato – Con i piedi per terra

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.