Il primo kiwi italiano è appena sbarcato in Corea. Ora si guarda agli Usa per pere e mele

kiwi1I primi container di kiwi italiani con destinazione Corea del Sud sono arrivati con successo, aprendo di fatto la strada ad un mercato strategico per i produttori nazionali. L’abbattimento delle barriere fitosanitarie che, fino a pochi mesi fa, impedivano al prodotto italiano di raggiungere un paese importante come la Corea, è avvenuto grazie al lavoro di equipe che vede coinvolti il Mipaaf, i Servizi Fitosanitari regionali, le imprese italiane, i servizi diplomatici, con il coordinamento tecnico del CSO (Centro Servizi Ortofrutticoli) che associa le imprese di produzione e ha il ruolo di interfaccia tecnico.
I severi protocolli da seguire per l’export, la formalizzazione degli aspetti burocratici, i rischi di ingenti perdite economiche, in caso di insuccesso della spedizione, rendono molto importante il rispetto rigoroso di tutte le procedure e impongono una gestione coordinata tra le aziende e le istituzioni.
Lo conferma Paolo Bruni, Presidente del CSO, che dichiara: “Il risultato positivo ottenuto con il kiwi in Corea del Sud evidenzia, con sempre maggiore chiarezza, quanto sia utile perseguire la strada dell’apertura di nuovi mercati attraverso l’abbattimento delle barriere fitosanitarie ed ora il nostro impegno sarà tutto rivolto all’apertura del mercato Nord Americano per le mele e le pere ed i risultati spero non tarderanno ad arrivare”.

Tags: , , , ,

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.