Il riso lombardo avrà un marchio

Il riso lombardo avra’ un suo marchio di riconoscimento e di qualita’. L’annuncio e’ stato dato dal presidente della Camera di Commercio di Pavia, Giacomo de Ghislanzoni Cardoli, in sede di presentazione della domanda di accreditamento inoltrata a Regione Lombardia per la costituzione del distretto interprovinciale di filiera del riso lombardo. Oltre a Pavia che e’ la prima provincia italiana per superficie coltivata a riso e tra le piu’ importanti d’Europa, il distretto del riso lombardo comprende anche le province di Milano, Lodi e Mantova per complessivi 41.834 ettari di aree coltivate a riso. In prima fila, cosi’ come prevede la legge regionale del 2000, ci saranno i produttori e precisamente 765 aziende agricole e tre grandi gruppi industriali del settore. Insieme al distretto lombardo del riso, la Camera di Commercio di Pavia ha promosso e presentato in Regione anche la domanda di costituzione del distretto agroalimentare di qualita’ del vino dell’Oltrepo’ Pavese. Anche in questo caso sono rilevanti i numeri: hanno aderito 973 aziende pari a quasi il 46% delle aziende esistenti. Complessivamente il numero di aziende risicole e vitivinicole che hanno aderito ammonta a 1.738. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.