Il turismo tradizionale è in crisi, quello naturalistico cresce

La Lama (archivio Straccabike) Vanno in vacanza per un weekend, sono in piena attivita’ lavorativa, preferiscono i parchi d’Abruzzo, del Gran Paradiso, delle Cinque Terre e dell’Etna; e soprattutto, crescono di numero. Sono i turisti-natura, una categoria che le stime continuano a dare in crescita a dispetto del calo del turismo tradizionale, e questo identikit emerge dall’anteprima nazionale del Rapporto sul Turismo Natura, presentato a Ecotur – Borsa internazionale del Turismo Natura. Le cifre, analizzate dal centro studi permanente Ecotur di cui fanno parte l’Enit, l’Istat, l’Universita’ dell’Aquila e la Regione Abruzzo, dicono che il brusco rallentamento del tasso di crescita del turismo internazionale, registrato del 2008 e ancor piu’ nell’anno in corso, non interessa il turismo natura. Secondo i primi dati sul 2008 e sulle tendenze 2009, il turismo natura registra un ulteriore passo avanti: i dati relativi al 2008 dicono che le presenze totali negli esercizi ufficiali delle aree protette sono state 97.809.224 con un incremento rispetto all’anno precedente dell’1,97%, mentre il fatturato e’ salito a 10,515 miliardi facendo registrare un incremento del 6,28%. A fare da calamita per i turisti sono soprattutto i segmenti ”parchi-aree protette”, ”montagna” ”agriturismo” e ”turismo rurale”. I turisti, secondo l’indagine, cercano soprattutto il contatto con la natura, ma anche relax e tranquillita’, le tradizioni culturali, folcloristiche ed enogastronomiche, la possibilita’ di avere prezzi piu’ bassi rispetto alle altre tipologie di turismo e, infine, sport e attivita’ all’aria aperta. Con riferimento a quest’ultima motivazione il turista sceglie in ordine: il trekking, l’escursionismo, il bird-watching, il cicloturismo, l’equitazione e lo sci di fondo.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.