Imu agricola: Cia, sospendere subito decreto, è iniquo

agricoltura generica3
”Sospendere subito la pubblicazione del decreto sull’Imu agricola, è iniquo e viola lo Statuto del contribuente”. Lo afferma il presidente della Cia, Dino Scanavino, che chiede di intervenire con un’azione coordinata con i parlamentari. ”Non si può considerare solo il parametro altimetrico per definire l’applicazione del tributo – afferma Scanavino – ci sono fattori economici e ambientali di cui tener conto, partendo dai territori colpiti drammaticamente dagli effetti del maltempo e del dissesto idrogeologico”. La verità, secondo il presidente, è che ”il decreto dovrebbe essere ritirato e riscritto completamente, così com’è rappresenta un aggravio pesante e intollerabile per gli agricoltori, che già subiscono le conseguenze della crisi sul settore e delle avversità atmosferiche. Oltretutto il provvedimento arriva a ridosso dei termini di pagamento, entro il prossimo 16 dicembre- conclude – violando lo Statuto del contribuente che prevede almeno 60 giorni per gli adempimenti dall’entrata in vigore della disposizione tributaria”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.