IMU: tavolo Stato-Regioni-mondo agricolo per stalle, fienili e ricoveri attrezzi , strumenti di lavoro a redditività prossima allo zero

Esentare dal pagamento dell’IMU i fabbricati rurali a uso strumentale, o valutare quantomeno la possibilità di una consistente riduzione degli oneri attualmente previsti. Rivedere il meccanismo di
calcolo relativo ai terreni condotti dagli agricoltori e aprire immediatamente un tavolo di confronto Governo-Regioni per individuare criteri alternativi di applicazione dell’IMU, in modo da consentire la
salvaguardia degli obiettivi del decreto “Salva Italia”, senza pregiudicare la sussistenza del settore agricolo italiano. Sono questi, in sintesi, i contenuti dell’ordine del giorno votato e approvato oggi a
Roma dai presidenti della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. “I presidenti di Regione hanno assunto una posizione importante e impegnativa. Ora ci attendiamo che il Governo apra una
seria riflessione sui fabbricati rurali strumentali all’attività degli agricoltori – è il commento dell’assessore all’Agricoltura della Regione Emilia-Romagna Tiberio Rabboni – . Un primo segnale di disponibilità, in questa direzione, è arrivato proprio in questi giorni dal sottosegretario all’economia Vieri Ceriani. A questo punto devono muoversi i vertici del Governo e dell’economia”. La richiesta di
escludere dal pagamento dell’imposta i fabbricati rurali a uso strumentale o, almeno, ridurla “è motivata dal fatto che questi sono a tutti gli effetti strumenti di lavoro – sottolinea l’assessore – e non
possono, come tali, essere considerati alla stregua di pura e semplice ricchezza accumulata. Peraltro – conclude Rabboni – l’agricoltura da sempre soffre di un alto impiego di capitali che come risulta da tutte
le statistiche nazionali ed europee hanno in Italia una redditività prossima allo zero, e l’applicazione dell’IMU sembra ignorarlo completamente”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.