In arrivo aiuti Ue per agricoltori colpiti da ritorsioni russe

ortofrutta2
Bruxelles annuncia una serie di misure straordinarie a sostegno degli agricoltori colpiti dalle ritorsioni di Mosca. In un comunicato la commissione Ue fa sapere che si tratta di 125 milioni di euro di aiuti rivolti ai produttori di pomodori, carote, cavolfiori, cavoli bianchi, peperoni, cetrioli, funghi, mele, pere, uva, frutti rossi e kiwi.
Gli aiuti entreranno in vigore da oggi fino a novembre e sono finalizzati a sostenere i prezzi di questi prodotti, calati dopo l’annuncio delle ritorsioni russe.
e misure adottate dalla Commissione Ue, in vigore dal 18 agosto sino a fine novembre, prevedono compensazioni economiche per l’immissione sul mercato in modo gratuito dei prodotti più deperibili che non possono essere né stoccati né venduti altrove, ma anche per la loro non-raccolta o per la loro raccolta anticipata. Sulla falsariga delle misure già prese a sostegno di pesche e nettarine, tutti i produttori, inclusi quelli che non fanno parte di organizzazioni, potranno accedervi. Chi fa parte di un’associazione di produttori, però, avrà diritto sia al 50% del prezzo di ritiro cofinanziato da Bruxelles sia al restante 50% messo dalla rispettiva organizzazione. Ortaggi e frutta che rientrano negli aiuti decisi da Bruxelles sono: pomodori, carote, cavolo bianco, peperoni, cavolfiori, cetrioli e cetriolini, funghi, mele, pere, frutti rossi (fragole, lamponi, ribes, mirtilli, more, uva spina), uva da tavola e kiwi. Ad essere toccati sono anche i settori di carni, formaggi e pesce, la cui urgenza è però inferiore rispetto a frutta e verdura in quanto più facilmente stoccabili. Un giro d’affari, comunque, che per l’intera Ue nel 2013 ha raggiunto i 5,2 miliardi di export verso la Russia, a fronte di 11,3 complessivi in cui rientrano vino e pasta per ora fuori dall’embargo russo. Per l’Italia, secondo i dati della Coldiretti, l’anno scorso le esportazioni agroalimentari verso la Russia hanno superato i 700 milioni di euro, di cui 72 per l’ortofrutta, 61 per le carni, 45 per latte, formaggi e derivati. Bruxelles ha deciso di monitorare il settore settimanalmente in coordinazione con gli stati membri, e già venerdì si terrà una nuova riunione anche con l’Europarlamento. Intanto il 5 settembre si profila una riunione straordinaria dei ministri dell’agricoltura Ue sotto presidenza italiana, e lo stesso ministro Martina ha già convocato per mercoledì una riunione al ministero per fare il punto sulle nuove misure Ue che, ha sottolineato, riguardano “anche diverse filiere italiane: dalle mele alle pere, dall’uva ai kiwi, ai pomodori”. Il commissario Ue all’agricoltura Dacian Ciolos ha già assicurato di essere pronto a prendere “ulteriori misure se necessario”.(ANSA).

“Tutti gli agricoltori di questi prodotti – si legge nel comunicato del commissario Ue all’Agricoltura Dacian Ciolos – che sono all’interno di associazioni di categoria o meno, possono richiedere queste misure di sostegno”. Bruxelles fa sapere che continuera’ a seguire gli sviluppi di mercato “e non esitera’ a fornire ulteriori aiuti ai settori fortemente dipendenti dalle esportazioni alla Russia, o di adottare le misure gia’ preannunciate, se necessario”. (AGI)

Un Commento in “In arrivo aiuti Ue per agricoltori colpiti da ritorsioni russe”

Trackbacks

  1. In arrivo aiuti Ue per agricoltori colpiti da r...

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.