In dieci anni gli acquisti di frutta sono diminuiti di 100 kg a famiglia


Gli acquisti di frutta e verdura delle famiglie italiane sono passati da 450 chili a famiglia all’anno del 2000 ai 350 chili del 2010, con una riduzione di ben 100 chili annui (-22 per cento) che rappresenta un dato estremamente allarmante. E’ quanto afferma la Coldiretti che ha distribuito gratuitamente diecimila chili di ottime pesche italiane ai poveri per denunciare le speculazioni che trasformano i pochi centesimi pagati nei campi ai produttori in euro per il portafoglio dei consumatori. Con questo gesto gli agricoltori della Coldiretti hanno voluto far conoscere il valore di prodotti ai quali tantissime persone devono rinunciare per i proibitivi prezzi al dettaglio mentre e’ crisi profonda nei campi. Il calo continua anche nel 2011 con i consumi familiari di frutta e verdura che – sottolinea la Coldiretti – sono diminuiti del 9 per cento nel primo trimestre, dopo che nel 2010 le famiglie italiane hanno acquistato 8,3 milioni di tonnellate di ortofrutta per una spesa complessiva di 13 miliardi, di cui circa 4,5 milioni di tonnellate gli acquisti di frutta e 3,8 milioni di tonnellate quelli degli ortaggi. La causa va ricercata – precisa la Coldiretti – nella moltiplicazione dei prezzi dal campo alla tavola che ha reso piu’ onerosi gli acquisti, ma ha anche fatto crollare il reddito degli agricoltori che negli ultimi quindici anni sono stati costretti ad abbattere quasi la meta’ delle coltivazioni di pesche in Italia. La scomparsa del frutteto italiano ha effetti economici, ambientali, paesaggistici ed anche per la salute perche’ rischia di privare i consumatori della freschezza di prodotti indispensabili per la salute raccolti vicino a casa. Le motivazioni della crisi attuale – precisa la Coldiretti – sono congiunturali come l’andamento meteorologico che ha provocato la maturazione contemporanea di produzioni e l’emergenza dell'”Escherichia Coli” che ha causato il contenimento dei consumi, ma sotto accusa ci sono soprattutto l’inadeguatezza delle normative comunitarie per la prevenzione e la gestione delle crisi di mercato e la distribuzione commerciale che non e’ riuscita fino ad ora ad arrivare a offrire prodotti di qualita’ al giusto grado di maturazione e a un prezzo equo per produttori e consumatori.
Secondo l’ultima indagine dell’Antitrust sul settore ortofrutticolo i prezzi mediamente triplicano (+200 per cento) dal campo alla tavola, ma possono anche quadruplicare (+294 per cento) per la filiera lunga (presenza di 3 o 4 intermediari tra produttore e distributore finale). L’ampia forbice dei prezzi tra produzione e consumo dimostra – conclude la Coldiretti – che c’e’ spazio da recuperare per garantire redditi soddisfacenti per le imprese ed acquisti convenienti per i consumatori. (AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.