In Europa sono 27 milioni gli agricoltori delle zone svantaggiate

Sono circa 27 milioni i cittadini europei che dipendono dall’agricoltura in termini occupazionali nelle zone rurali dell’Unione europea. Lo affermano i dirigenti agricoli dell’Ue che hanno chiesto alla Commissione europea di mantenere il sostegno alle zone svantaggiate per garantire anche il mantenimento dei posti di lavoro. La presa di posizione fa seguito alla pubblicazione, da parte di Bruxelles, di un documento in cui vengono proposti cambiamenti ai criteri che servono a stabilire la compensazione cui hanno diritto gli agricoltori situati in aree con svantaggi naturali. Chi opera in quelle zone infatti, si deve confrontare a perdite di reddito e deve sostenere costi supplementari per produrre. Prendendo la parola a Bruxelles, il Segretario generale del Comitato dei produttori e delle cooperative agricole dell’Ue (Copa e Cogeca), Pekka Pesonen, ha chiesto che ”Il sostegno alle zone svantaggiate venga mantenuto”. In effetti, in base ai nuovi criteri su cui si sta orientando la Commissione europea, alcune zone svantaggiate che attualmente beneficiano di contributi Ue rischiano di non rientrare piu’ nei criteri previsti per beneficiare dei fondi. Inoltre, i dirigenti agricoli Ue sottolineano ”la totale assenza di un riferimento agli svantaggi geografici, come l’isolamento, che rappresenta uno dei maggiori vincoli per le zone svantaggiate”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.