In Italia aumenta il numero di persone diabetiche e obese

obesi
Crescono le persone sovrappeso, obese o con diabete in tutto il mondo. In Italia e’ sovrappeso oltre 1 persona su 3 (36%, con preponderanza maschile: 45,5% rispetto al 26,8% nelle donne), obesa 1 su 10 (10%), diabetica piu’ di 1 su 20 (5,5%). Secondo i dati degli Annali 2012 dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), oltre il 66,4% delle persone con diabete di tipo 2 e’ anche molto sovrappeso o obeso, mentre lo e’ ‘solo’ un quarto delle persone con diabete tipo 1, il 24%. In pratica, sono sovrappeso quasi 22 milioni di Italiani, obesi 6 milioni, con diabete quasi 3,5 milioni: ‘veri diabesi’, ossia contemporaneamente obesi e con diabete, circa 2 milioni. “Questi numeri ci fanno capire come diabete e obesita’ si sostengano a vicenda. L’obesita’ e’ considerata l’anticamera del diabete e la combinazione tra le due malattie rappresenta una vera e propria epidemia dei nostri tempi, per la quale l’Organizzazione Mondiale della Sanita’ ha persino coniato il termine diabesita’”, dice Paolo Sbraccia, Presidente eletto Societa’ Italiana dell’Obesita’ (SIO). L’associazione diabete-obesita’ deve preoccupare principalmente perche’ di diabesita’ si muore. Spiega Sbraccia: “Il rischio di morte raddoppia ogni 5 punti di crescita dell’indice di massa corporea, il BMI: un diabetico sovrappeso raddoppia il proprio rischio di morire entro 10 anni rispetto a un diabetico di peso normale; per un diabetico obeso il rischio quadruplica”. La diabesita’ quindi costituisce una pesante minaccia per la salute, per questo e’ necessario attuare politiche efficaci nel prevenirla. E’ noto come esercizio fisico e attivita’ motoria possano rappresentare strumenti piu’ che adeguati a questo scopo. “La conferma definitiva arriva probabilmente da uno studio pubblicato sul British Medical Journal del 1 ottobre 2013, condotto da Huseyin Naci, ricercatore alla London School of Economics and Political Science e alla Harvard University, e da John P. A. Ioannidis, professore alla Stanford School of Medicine”, prosegue Sbraccia. “I risultati sono importanti a tal punto che allo studio e’ stato dedicato un editoriale anche dalla rivista Jama di novembre. Si tratta di una meta-analisi che ha riguardato oltre 300 mila persone; dimostra che l’esercizio fisico e’ efficace, in termini di riduzione della mortalita’ cardiovascolare o legata al diabete, quanto il trattamento farmacologico”, aggiunge Sbraccia.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.