In Italia clima pesa in vigna, ma tipicità è salva

vendemmia3I cambiamenti climatici pesano anche sul Vigneto Italia, con un anticipo medio della fioritura di otto-dieci giorni, e il rischio diffuso di vini più alcolici. Tuttavia la tipicità è salva, grazie a interventi agronomici tra i filari e a un maggior ricorso all’irrigazione. A dirlo all’ANSA, nel giorno della pubblicazione sulla rivista Nature Climate Change di uno studio inglese in collaborazione col centro Goddard della Nasa sui cambiamenti climatici a carico dei vini francesi, è Diego Tomasi, che dirige il centro di ricerca e la Scuola di Viticoltura ed Enologia di Conegliano.
“Il rischio di produrre vini più alcolici – sottolinea l’esperto – non risponderebbe a quel che chiede il mercato oggi. Rischiamo la scomparsa nei bianchi di sentori floreali per una prevalenza di aromi tropicali, o di frutta matura. L’Amarone però è avvantaggiato, con una produzione ottima e vini belli corposi”. Da noi “possiamo datare l’inizio dell’impronta dei cambiamenti climatici dal 1998” osserva Tomasi nel sottolineare che “da un periodo di fioritura abbreviato e pertanto di un anticipo dell’invaiatura conseguono mediamente vini più alcolici. E in un momento in cui a livello mondiale c’è forte attenzione sugli spumanti, diventa purtroppo più difficile mantenere l’acidità delle uve destinate alla produzione di spumanti, Champagne e Prosecco. In Italia, tuttavia – rimarca il direttore del Centro di ricerca di Conegliano – la tipicità dei nostri vini non è stata messa in discussione. Per mantenere la freschezza e l’acidità la viticoltura trentina, ad esempio, ha spinto lo Chardonnay e il rinomato Pinot Nero destinati a base spumante fino a quota 600 metri in Valle di Cembra. In generale, sono state trovate soluzioni agronomiche, cambiando l’orientamento dei filari, rivalutando la pergola, spingendo in altezza la viticoltura, prolungando lo sviluppo vegetativo. Ma ora occorre ragionare sulla regimentazione delle acque per far fronte alle sempre più frequenti precipitazioni, le cosiddette bombe d’acqua. L’irrigazione – continua Tomasi – diventa importante non più per conservare la quantità della raccolta, ma per preservare la qualità”. In prospettiva, a giudizio del ricercatore del Crea, “per far fronte al cambiamento climatico servirà una “genetica di soccorso” e da parte dei Consorzi un ripensamento dei disciplinari di produzione con un rialzo delle rese del 10%-15%”. (di Alessandra Moneti – ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.