India, il colosso dell’agricoltura

india mondo macchina 4Il grande paese asiatico si colloca tra i maggiori produttori al mondo per
quantità di derrate agricole prodotte, ma sconta le incertezze date dalle
variabili meteorologiche e dai monsoni. Forti investimenti nella meccanica
agricola, per accrescere la produttività per ettaro coltivato.
La rassegna di EIMA Agrimach – che si è aperta questa mattina a New Delhi e
che si concluderà sabato 5 prossimo – offre l’occasione per sottolineare il
ruolo che l’India ha assunto nello scenario agricolo mondiale. Il colosso
asiatico, forte di una superficie agricola netta pari ad oltre 140 milioni
di ettari, si impone come uno dei maggiori produttori assoluti di derrate
agricole. Secondo i dati della “Advance Estimates” del Ministero indiano,
l’agricoltura del Paese ha fatto registrare nell’anno fiscale 2013-2014
ottimi risultati produttivi: i cereali hanno raggiunto la quota complessiva
di 265 mln di tonnellate, con una crescita del 3% rispetto all’anno
precedente. Con oltre 106 mln di tonnellate l’India si è confermato il
secondo produttore di riso dopo la Cina, mentre nel settore del grano la
stagione 2013-2014 si è rivelata la migliore di sempre con 96 mln di
tonnellate (+3%). Elevata anche la produzione di granturco, che ha raggiunto
la quota di oltre 24 mln di tonnellate. Tuttavia, la produttività dei
terreni agricoli risulta in molti casi ancora bassa, a causa di rese per
ettaro che sono talvolta pari alla metà di quelle ottenute in altri paesi. A
ridurre il potenziale produttivo indiano sono, in buona misura, le variabili
meteorologiche, legate soprattutto all’andamento della stagione monsonica.
Nell’anno 2014/2015, a causa di precipitazioni che sono risultate inferiori
del 12% rispetto alla media, si stima che il raccolto di kharif (ossia
quello che viene effettuato durante la stagione del monsone) abbia
registrato un calo del 7% per i “food grains”. I tecnici indiani ritengono che una maggiore diffusione della meccanizzazione agricola sia lo strumento fondamentale per incrementare la
produttività dei terreni e quindi compensare le perdite legate all’incerto
andamento meteorologico. Il Paese ha in effetti investito cospicue risorse per lo sviluppo della
meccanica agricola, ed oggi, con oltre 600 mila trattori venduti ogni anno
sul territorio nazionale, rappresenta il primo mercato a livello mondiale,
con quantitativi 4/5 volte superiori a quelli registrati sui mercati
tradizionali di Europa e Stati Uniti.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.