Industria alimentare, bene modelli di produzione sostenibile

L’industria alimentare italiana “é fortemente interessata all’affermazione, su scala globale, di modelli di produzione e consumo sostenibili. E il primato delle aziende alimentari in termini di certificazioni dei sistemi di gestione ambientale è un chiaro indicatore della cultura del settore”. Lo ha detto il presidente di Federalimentare Filippo Ferrua Magliani, all’assemblea annuale a Cibus; lo ha confermato Aurelio Ceresoli al convegno odierno sul tema organizzato dalla stessa Federalimentare. L’industria alimentare, ha annunciato Ceresoli, “in dieci anni ha tagliato il 40% degli imballaggi, con un risparmio del 17% sui costi di trasporto”. E’ di questi giorni, inoltre, la sottoscrizione della ‘Carta dei principi per la sostenibilita” di Confindustria con 10 principi per 10 impegni. Le aree di intervento dell’industria alimentare sono quattro: approvvigionamenti sostenibili e valorizzazione materie prime agricole; efficiente uso di energia e acqua; ottimizzazione packaging e sua corretta gestione post uso; promozione consumo sostenibile e taglio agli sprechi. L’industria alimentare, ha sottolinato ancora Ceresoli, è il principale contribuente del sistema Conai che garantisce il 74,8% del recupero complessivo degli imballaggi. Tra gli esempi illustrati (Carlsberg, Granarologo, Inalca,…) nella tavola rotonda il progetto pilota, illustrato da Lamberto Vallarino Gancia, che vede collaborare dieci aziende vitivinicole di tutto il territorio nezionale, da Gancia a Planeta, col ministero dell’Ambiente e con diverse università italiane con l’obiettivo di definire in un anno un protocollo di misurazione dell’impronta ecologica nel mondo del vino.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.