Inflazione: Confagri, agricoltura salvagente al carovita

“L’agricoltura continua a fare da parziale ammortizzatore ad un’inflazione giunta al 2,8% su base annua. Ma questo ruolo di salvagente contro il carovita i produttori agricoli continuano a pagarlo a caro prezzo”. Lo sottolinea Confagricoltura, commentando i prezzi definitivi al consumo di agosto diffusi oggi dall’Istat. Dai dati Istat sull’inflazione emerge un calo delle quotazioni degli alimentari non lavorati dello 0,6% ad agosto rispetto a luglio. Ciò è dovuto principalmente alla diminuzione dei prezzi della frutta fresca (-2,9% su base congiunturale) e di ortaggi e verdure (-2,5%). Confagricoltura fa presente come “il crollo delle quotazioni per pesche e nettarine, cocomeri, pere, uva da tavola, ancora persista. E ricorda, come esempio, il prezzo attuale dell’uva Italia nei vari passaggi (come rilevato da ‘Sms consumatori’ servizio avviato dal ministero per le Politiche agricole): un chilogrammo viene venduto dal produttore a 45 centesimi, il grossista lo rivende a 1,02 euro (più del doppio), mentre il prezzo medio al consumatore è di 2,10 euro/kg, quattro volte di più”. “Che i prezzi degli alimenti freschi diminuiscano è una buona notizia per i consumatori, in un momento di grandi difficoltà per l’economia e le famiglie”, aggiunge Confagricoltura che si augura, tuttavia, “che possano incentivare anche una ripresa delle vendite di frutta e verdura dei nostri produttori e ad un riequilibrio del

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.