Inflazione, si ferma la corsa dei prezzi al dettaglio e nei campi

supermercato frutta
Il crollo dei prezzi sui campi (meno 6,5% a novembre, che fa seguito al meno 12,2% di ottobre, al meno 12,5% di settembre e al meno 16%) blocca la corsa degli agroalimentari sugli scaffali. Cosi’ a dicembre l’ulteriore caduta delle quotazioni agricole ”riporta i listini al dettaglio su livelli piu’ accessibili, anche se alcuni prodotti rimangono ancora cari, comunque, sempre molto al di sotto dei vertici raggiunti negli ultimi anni”. Lo sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori, in merito ai dati provvisori dell’ Istat sull’inflazione a dicembre.

Mese in cui nel settore agroalimentare non si ha alcuna variazione nei confronti di novembre scorso e un aumento dello 0,4 per cento rispetto allo stesso periodo del 2008. ”Ancora una volta – commenta l’organizzazione di settore – l’agricoltura contribuisce alla frenata del trend inflazionistico”. Il calo dei prezzi all’origine, precisa la Cia, ha interessato la maggior parte dei comparti agricoli. Particolarmente accentuata e’ la flessione registrata dai cereali, che segnano un meno 11,8 per cento, con punte anche del 20-30 per cento per il grano duro e quello tenero. Un vero tracollo si e’ avuto, soprattutto, per la frutta (meno 15,7 per cento).

Non diverso il quadro registrato nel comparto dei vini, i cui listini sono scesi, sempre a novembre scorso, del 15,8 per cento. Un’ulteriore diminuzione, rimarca la confederazione, si segnala anche per i prodotti lattiero-caseari (meno 5,3 per cento), per i suini (meno 8,5 per cento) e per i bovini (meno 1,6 per cento). Nei listini al dettaglio, si hanno aumenti soprattutto per i prodotti agroalimentari ‘trasformati’, anche se di minore intensita’ rispetto agli andamenti registrati sia a settembre che a ottobre. Ritocchi, anche se lievi, al rialzo si hanno per il pane, per alcuni derivati dei cereali e per la carne bovina. Diversa la situazione per i prodotti ‘freschi’ (soprattutto frutta), i cui prezzi al dettaglio, soprattutto in conseguenza della caduta verticale dei listini all’origine, non registrano impennate dei prezzi sia rispetto a novembre scorso che nei confronti dello stesso periodo del 2008.
(da Ansa)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.