Interpoma 2012 nel segno dei nuovi mercati

Nel 2012 la produzione melicola europea stimata sarà di 9.739.000 tonnellate, con una riduzione di 924.000 tonnellate – pari a circa il 9% – rispetto al dato 2011. È quanto è emerso in occasione della 36° edizione di Prognosfruit, la conferenza organizzata da WAPA, “World Apple and Pear Association”.
La situazione varia comunque molto da paese a paese: infatti, mentre per la vecchia Europa le previsioni sono di rallentamenti anche forti – per l’Italia si parla di un -13% rispetto al 2011, -24% per la Spagna e addirittura -32% per la Francia – l’Europa dell’Est promette buoni risultati, che vanno dal +12% previsto per la Polonia al +39% dell’Ungheria.
È in questo contesto di grande fermento che avrà luogo l’ottava edizione di Interpoma, l’unica fiera internazionale di settore in programma a Bolzano dal 15 al 17 novembre prossimi. Anche quest’anno nel corso della manifestazione prenderà il via il congresso internazionale “La mela nel mondo”, appuntamento a cadenza biennale che quest’anno vedrà, nella sua giornata d’apertura, una conferenza dedicata a un’analisi globale della produzione, della commercializzazione e del consumo, nonché un focus sull’analisi della situazione economica delle aziende nelle maggiori regioni produttrici di mele d’Europa.
Reinhold Marsoner, direttore di Fiera Bolzano, ha spiegato: “L’attuale congiuntura economica ci impone riflessioni importanti sul futuro dell’intero comparto della mela e sulle strategie da applicare nel prossimo futuro. Interpoma 2012, con il congresso internazionale di alto livello che è stato organizzato, si configura come la sede ideale per discutere dei temi di maggiore attualità che riguardano il settore”.
Kurt Werth, esperto in frutticoltura e responsabile per l’organizzazione del congresso “La mela nel mondo”, ha aggiunto: “Nonostante in Europa si preveda un calo generalizzato di produzione, esistono eccezioni importanti all’interno di questo quadro, come è il caso della Polonia che continua a crescere. Da tenere in considerazione è anche la nuova geografia produttiva, che prevede produzioni crescenti anche in altri Paesi dell’Est come Ucraina e Moldavia e certe aree nel Sud della Russia. Dall’altra parte, da qualche anno si registra un continuo aumento della domanda nei paesi del Nordafrica e Medioriente. Quale sarà dunque il destino di una produzione di qualità come quella altoatesina? Quali i mercati più interessati? Interpoma 2012 sarà un’occasione per toccare con mano tutte queste realtà e per comprendere le prossime dinamiche dei mercati”.
L’edizione di Interpoma 2010 ha ospitato 354 espositori qualificati provenienti da 18 Paesi del mondo, i quali hanno potuto farsi conoscere da più di 14.240 visitatori, operatori professionali di 58 diversi Paesi.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.