Intossicazione da cozze: si indaga in tutta Italia

I primi ricoveri a Torino erano avvenuti sabato sera, ma domenica sono diventati un’ondata in vari ospedali della citta’ e dintorni. Potrebbe pero’ nascondersi nella zona di Trieste l’inconveniente che sta provocando questi disagi per intossicazione alimentare da cozze. Dolori intestinali, nausea, denutrizione, ecco i sintomi piu’ comuni che hanno allarmato la gente. Ma e’ saltata fuori subito l’anomalia: i mitili erano stati acquistati in mercati diversi. Di qui e’ partita prima l’indagine sanitaria e poi quella dei funzionari della procura subalpina: l’intossicazione avrebbe origini lontane, forse addirittura a Trieste. I casi sono attualmente una sessantina; ne risultano pero’ anche in Liguria e in Valle d’Aosta. Le cozze consumate dagli acquirenti non appartengono alla stessa partita e provengono da fornitori di diverse localita’ italiane. Il pubblico ministero Raffaele Guariniello, pero’, nel raccogliere la documentazione relativa alle varie aree geografiche interessate ha scoperto un provvedimento dell’Asl di Trieste legato a problemi di salubrita’ dei molluschi. A Trieste, lo scorso 16 settembre, e’ stata decretata la sospensione della raccolta, della conservazione e della messa in commercio dei molluschi estratti dalle acque costiere. L’Arpa del Friuli-Venezia Giulia, infatti, ha accertato, in alcuni esemplari, la presenza di una biotossina algale chiamata Dsp. Nel frattempo tutte le miticolture del golfo di Trieste sono state ‘chiuse’ per decisione dell’Unita’ operativa veterinaria igiene degli alimenti di origine animale dell’Azienda sanitaria del capoluogo giuliano, dopo aver accertato la presenza della biotossina Dsp. Lo si e’ appreso in serata dal responsabile dell’unita’ Maurizio Cocevari. ”In questi casi – spiega – scatta un sistema d’allerta e tutti i produttori sono invitati a ritirare le cozze dal commercio. L’ordinanza viene trasmessa alle regioni vicine. I mitili hanno vita breve e dunque, finche’ si instaura il ritiro, le cozze riescono a raggiungere il consumatore. Se si riesce a ritirare il 70% della merce e’ gia’ un buon successo”. Il responsabile dell’unita’ ha riferito inoltre che una quota delle cozze infette e’ arrivata nei mercati della Sardegna e dell’Emilia Romagna. Oggi sono stati eseguiti esami in meta’ della zona costiera di Trieste: consentiranno di stabilire se la situazione degli allevamenti di mitili e’ cambiata, anche grazie al maltempo degli ultimi giorni. (Ansa)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.