Ippica: Galan, Unire è vecchia e debole va ripensata

”L’unica cosa che funziona nel mondo dell’ippica italiana e’ il grande amore che gli italiani hanno per il cavallo, per la sua grande tradizione per i sentimenti che suscita”. Lo ha detto il ministro per le Politiche Agricole Giancarlo Galan, inaugurando oggi a Verona la 112/ma Fieracavalli. Per Galan ‘Unire’ e’ vecchia e va modernizzata rilanciando la gestione degli eventi sportivi, ”affidandoli a un modello Coni, quello che concede ai Monopoli di Stato la gestione esclusiva delle scommesse in cambio di un trasferimento statale stabile per permettere all’Unire di svolgere le altre funzioni per il sostegno dell’ippia e dell’allevamento”. Prima di salire in elicottero per ispezionare le zone venete alluvionate (”realizzero’ un filmato che consegnero’ a Berlusconi”), Galan ha avuto il tempo di denunciare ”le pressanti richieste di finanziamento” e le ”invocazioni per un vero e proprio assistenzialismo” del mondo dell’ippica ormai ”declinante da un decennio”. ”L’Unire – ha proseguito – non corrisponde piu’ alle esigenze di questo mondo: il calcio ha invaso tutti i meccanismi, sono state inventate scommesse molto piu’ attrattive. Occorre aggiornarsi. Con un calo del 94% di spettatori negli ultimi 12 anni il mondo dell’ippica non puo’ permettersi 43mila ippodromi e 18mila gare”. L’allarme del ministro parla di risorse utili ancora per un anno (”nel bilancio del mio ministero sono riuscito a inserire 150 milioni di euro”) e dello stop alla nomina di Zucchelli a commissario ‘Unire’ da parte della magistratura amministrativa (”purtroppo i tempi dei giudici non sono quelli di Varenne”), ostacolo superato dalla nomina, il 2 novembre di Claudio Varrone. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.