Isac-Cnr: autunno 2011 tra i più caldi degli ultimi 200 anni

Con novembre si chiude l’autunno dal punto di vista meteorologico, che per l’Italia è al quarto posto nella classifica dei più caldi degli ultimi due secoli. La banca dati dell’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Bologna (Isac-Cnr) ha rilevato un’anomalia della temperatura media stagionale di +1,33 gradi rispetto al valore medio del 1971-2000, periodo assunto come riferimento. “Assieme alla primavera, anch’essa molto calda, la quinta di sempre con un’anomalia di +1,43 gradi – dichiara Michele Brunetti dell’Isac-Cnr – l’autunno fa volare il 2011 al terzo posto provvisorio tra i più caldi degli ultimi 200 anni con un’anomalia di +1,04 gradi, dato ovviamente da confermare con i dati di dicembre. In testa alla graduatoria resta il 2003 con +1,22 gradi e in coda il 1816 con -2,63 gradi”. A livello globale il 2011, spiegano all’Isac-Cnr, è anche il 10/mo anno anno più caldo secondo il rilevamento parziale gennaio-ottobre della Wmo, World Meteorological Organisation, che evidenzia un’anomalia positiva di 0,41 gradi rispetto alla media del periodo di riferimento 1961-1990. I 13 anni più caldi, secondo il Wmo, si concentrano tutti dal 1997 e il 2011. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.