Ismea: ortaggi, un business da 800 milioni di euro

Piu’ di 500 aziende agricole, per una superficie di 6.500 ettari. Con l’aggiunta di 120 realta’ produttive coinvolte nei processi di lavorazione e di packaging. Sono i numeri della filiera italiana degli ortaggi di IV gamma, il cui giro d’affari complessivo ha raggiunto, lo scorso anno, la soglia degli 800 milioni di euro. Un importo destinato a aumentare ancora a un ritmo sostenuto, in previsione di un balzo in avanti nel 2011 del 12% che porterebbe il fatturato a circa 900 milioni.
Sono dati – evidenzia un’indagine Ismea che sara’ illustrata nel dettaglio in occasione di Macfrut 2011 – indicativi delle potenzialita’ di un segmento che, seppure complementare al piu’ ampio sistema orticolo nazionale, e’ apparso in grado di intercettare le preferenze d’acquisto degli italiani.
Il consumo di ortaggi di IV gamma, ossia di verdure fresche, pulite, tagliate e confezionate, ben si coniuga, infatti, con le esigenze e gli stili di vita moderni. I segreti del successo sono l’elevato contenuto di servizio e la praticita’ d’uso che hanno fatto impennare i consumi in questi ultimi anni e accettare prezzi decisamente piu’ elevati rispetto al fresco tradizionale. Un vero e proprio boom, sottolinea l’indagine dell’Istituto, che trova conferma nell’incremento del 380% delle quantita’ acquistate dalle famiglie italiane nell’ultimo decennio (i volumi in sostanza sono aumentati di quasi 5 volte). Un risultato che appare tra l’altro in controtendenza con l’andamento stagnante della domanda di ortaggi freschi e con il trend negativo rilevato nello stesso periodo per il comparto delle conserve. Dai dati dei primi sette mesi del 2011 emerge, per la IV gamma, un ulteriore aumento degli acquisti domestici del 7% in quantita’ e del 10% in valore, grazie in particolare al contributo delle insalate miste (+ 15% in volume + 20% in termini monetari).
Altro punto di forza del segmento e’ la forte integrazione verticale tra fase agricola e industriale, che permette una piu’ equa distribuzione del valore lungo l’intera filiera produttiva e che ha riflessi anche sulle performance economico-finanziarie delle aziende.
Dall’analisi dei bilanci di un cluster di imprese del settore orticolo emergono infatti – rileva ancora l’Ismea nella sua analisi – risultati migliori per le aziende che producono e commercializzano prodotti di IV gamma e soprattutto una maggiore solidita’ finanziaria.
I dati dicono che tra il 2005 e il 2009 le imprese hanno aumentato di quasi il 40% il loro fatturato. L’ultima crisi non ha comunque risparmiato il comparto, determinando nel 2009 una drastica flessione dei profitti, come si evince dall’indice di redditivita’ (Roi) scivolato, per la prima volta in cinque anni, in terreno negativo (-1%). Un risultato ribaltato pero’ nel 2010, grazie a un netto recupero dei margini.
Nel settore orticolo, infine, quello della IV gamma e’ il comparto che registra il maggior valore aggiunto. In rapporto al fatturato l’incidenza tocca, infatti, il 14%, quasi il doppio rispetto all’8% rilevato per gli ortaggi nel loro complesso.
L’analisi completa verra’ illustrata dall’Istituto nell’ambito del Convegno “La IV gamma a categoria di riferimento del rilancio del reparto ortofrutta” in programma venerdi 7 alle ore 14 e 30 presso il Macfrut (AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.