Italia – Russia passi in avanti. Protocollo d’intesa entro il 2011

“Italia e Russia possono fare moltissimo insieme, grazie alla complementarietà delle rispettive agricolture”. Così il ministro delle politiche agricole alimentari Saverio Romano commenta l’incontro oggi a Mosca con la sua collega Elena Borisovna Skrynnik. I due ministri, informa una nota, hanno deciso di costituire un gruppo di lavoro operativo che entro il 2011 dovrà portare alla firma di un memorandum di intesa sulle più importanti questioni agricole che interessano l’Italia e la Federazione Russa. “Si rafforzano i rapporti tra le nostre imprese agricole e alimentari in molteplici settori, ma dobbiamo continuare ad adoperarci affinché il dialogo tra le nostre due Amministrazioni sia efficace e costante” ha detto Romano. “Per questo – ha aggiunto – ho voluto che si riunisse in giugno a Roma il Gruppo di lavoro congiunto. Ritengo che una prossima riunione possa avere luogo in tempi molto brevi”. “Sono lieto che, l’emergenza del batterio dell’Escherichia.coli sia stata superata e che dal 9 agosto scorso non sia più in vigore il regime speciale all’importazione in Russia per i prodotti ortofrutticoli comunitari. Senza entrare nei contenuti sanitari di questa emergenza, tengo a sottolineare che i prodotti ortofrutticoli italiani non hanno avuto nessun tipo di problema o contaminazione da E.coli. Sono certo quindi – ha proseguito il Ministro – che i consumatori russi torneranno presto ad apprezzare l’ortofrutta di qualità italiana.” “In un quadro di eccellente collaborazione e interscambio commerciale, specie nel settore agro-alimentare, – ha aggiunto Romano – vi sono certamente margini di miglioramento. I maggiori operatori italiani mi hanno segnalato alcune difficoltà all’esportazione di loro prodotti (specialmente carne, vino, aceto e formaggi). Si tratta per lo più di problematiche legate al rilascio di licenze e autorizzazioni, a questioni doganali e sanitarie. Pur sapendo che non si tratta di tematiche di esclusiva competenza dei nostri dicasteri ho segnalato alla mia collega Russa il problema con l’auspicio, che possa farsi interprete di questa istanza presso i Ministeri competenti.” “Ho altresì segnalato le difficoltà collegate alla recente applicazione nel suo Paese, di una nuova imposizione fiscale sulle importazioni di vino italiano e alla modifica del sistema delle licenze. Per evitare misure discriminatorie abbiamo interessato la Commissione Europea, nell’ambito del comitato politica commerciale ed è stata coinvolta l’Ambasciata d’Italia a Mosca. Si tratta di un argomento che riguarda un prodotto di punta della produzione agroalimentare italiana sempre più apprezzato in tutto il mondo. I nostri operatori lamentano l’esistenza di onerosi dazi doganali che fanno riferimento ai cosiddetti prezzi presunti: io propongo che due organismi come Ismea e Borsa commerciale telematica certifichino i prezzi di mercato, fornendo alla ambasciata italiana a Mosca un report mensile, che consenta di risolvere il problema”. “Ho infine manifestato l’interesse del nostro mondo produttivo a una eventuale importazione di cereali dalla Federazione. La complementarietà della nostre agricolture – ha concluso il ministro – potrebbe anche tradursi in uno scambio tra commodities della Federazione Russa e tecnologie italiane. “Non ho potuto che apprezzare l’estrema concretezza del Ministro Russo Skrynnik nonché il suo elevato spirito di collaborazione che, uniti alla lungimirante azione dell’Ambasciatore Zanardi Landi, non possono che essere considerati motivo di grande ottimismo per il nostro sistema agroalimentare”. (ANSA)
foto tratta da www.aiol.it

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.