Italiani a caccia di offerte: il 61% ha cambiato le proprie abitudini


Più di sei italiani su dieci (precisamente il 61%) nel 2011 hanno modificato i propri comportamenti di acquisto confrontando con più attenzione i prezzi, prima di riempire il carrello della spesa. E’ quanto emerge da una indagine Coldiretti/Swg in riferimento ai dati Istat relativi all’andamento dell’inflazione nel 2011. “Il 59% degli italiani nel 2011 è andato alla ricerca delle offerte 3 per 2, in misura maggiore rispetto al passato”, spiega l’indagine, precisando che per effetto della crisi si è allungato il tempo trascorso al supermercato. “La maggioranza degli italiani (55%) infatti ha aumentato il tempo dedicato a fare la spesa, prestando più attenzione ai prodotti da mettere nel carrello”. Il 57% degli italiani, secondo l’indagine, ha peraltro ridotto lo spreco di cibo. Tra questi, “il 47% lo ha fatto facendo la spesa in modo più oculato, il 31% riducendo le dosi acquistate, il 24% utilizzando gli avanzi per il pasto successivo e il 18% guardando con più attenzione alla data di scadenza. Una tendenza positiva – sottolinea la Coldiretti – in un Paese come l’Italia dove a causa degli sprechi dal campo alla tavola viene perso cibo per oltre dieci milioni di tonnellate per un valore stimato in 37 miliardi”.
“Complessivamente la spesa per alimentari, trasporti, combustibili ed energia elettrica rappresentano oltre il 40% delle spese familiari”, precisa la Coldiretti, sottolineando che “per effetto dell’aumento record dei prezzi, la spesa per trasporti, combustibili ed energia elettrica ha sorpassato nel 2011 quella per gli alimentari e rappresenta il 19% della spesa familiare totale”. Si tratta di “un cambiamento che riflette l’andamento dei prezzi sul mercato dove un litro di gasolio costa più di un litro di latte o di un chilo di pasta”, sottolinea la confederazione agricola, che avverte: “bisogna evitare il rischio reale che le famiglie italiane per far fronte ai rincari energetici in un momento di crisi siano costrette a risparmiare con l’acquisto di cibo a basso prezzo, a cui può corrispondere anche bassa qualità e rischi per la salute”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.