Iva: ecco i prodotti a rischio aumento

birra 3
Dal vino alle scarpe, dagli elettrodomestici alla cura personale, dal pieno di benzina agli acquisti per la casa, l’aumento di un punto dell’Iva il prossimo primo luglio (dal 21 al 22%), colpirebbe una serie di voci. Ecco quali: – Vino, Birra; – Abbigliamento, calzature, accessori riparazioni di abbigliamento e calzature; – Elettrodomestici, Mobili, Articoli di arredamento, Biancheria per la casa, servizi domestici; – Articoli per la casa, detersivi, lavanderia, tintoria; – Auto, pezzi di ricambio, benzina e carburanti, manutenzione e riparazioni; – Giochi e giocattoli, Radio, televisore, hi-fi e videoregistratore, Computer, cancelleria, piante e fiori, riparazioni radio, televisore, computer, ecc.; – Prodotti per la cura personale, barbiere, parrucchiere, istituti di bellezza, gioielleria, bigiotteria; – Parcella liberi professionisti; Il passaggio dal 21% al 22% dell’aliquota Iva ordinaria (che riguarda circa il 60-70% dei consumi, sottolinea la Confcommercio) non inciderà sulla spesa dei beni di prima necessità, come alimentari, sanità, istruzione, abitazione ecc., tutti beni ai quali si applica l’Iva al 10% o al 4%, o non si applica affatto. Tuttavia, fa notare Federconsumatori, l’aumento di alcune voci come ad esempio i servizi di trasporto finiranno per ricadere anche sulla merce trasportata, con un effetto moltiplicatore nei mesi successivi sulla spesa finale. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.