Kiwi, nel Lazio si rischiano danni per 200 milioni di euro


“L’allarmante situazione che ha colpito il kiwi rischia di diventare drammatica. Come si temeva la batteriosi che ha gia’ determinato la distruzione di oltre 600 ettari di kiwi giallo, causando ingenti danni per mancata produzione e investimenti persi a piu’ di 100 imprese agricole, si sta propagando sempre piu’ anche alle cultivar di Kiwi verde che, con i suoi ca 8000 ettari rappresenta il primo bacino produttivo europeo e tra le piu’ importanti filiere agricole laziali”. L’allarme e’ della Cia Lazio che sottolinea come “nonostante i ripetuti allarmi lanciati nei mesi scorsi, gli agricoltori ancora non hanno ricevuto risposte concrete ne’ dalle istituzioni, ne’ dal mondo della scienza. E’ fortissima la preoccupazione degli operatori che, stando alle migliori previsioni, potrebbero subire una perdita di prodotto anche superiore al 30%, che in termini economici rappresenta un valore 40.000.000 di euro”. Da qui la richiesta della Cia dell”immediata convocazione da parte della Regione dell'”Unita’ di crisi” che, come accaduto in Emilia Romagna dove gli agricoltori hanno gia’ riscosso un primo risarcimento per i danni subiti nel 2010, coordini tutte le attivita’ di ricerca e avvii immediatamente nei confronti del Governo e della Unione Europea tutte le misure necessarie a debellare la malattia e al risarcimento degli agricoltori. La CIA Lazio chiede inoltre che venga immediatamente approvata la proposta di legge regionale n. 80 del 2010 sui danni da fitopatie. Inoltre e’ necessario che “in merito allo stanziamento previsto di un milione di euro, questo venga portato ad almeno 5 milioni di euro cifra minimamente sufficiente a risollevare un comparto cruciale per l’economia del Lazio come quello del Kiwi”. (AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.