L’agriturismo chiude un ottimo 2011, ma teme il 2012

Aiutate dalle compagnie low cost, appesantite dall’imminente Imu, le 20.700 aziende agrituristiche archiviano un 2011 con una domanda in crescita del 9% e un giro d’affari che segna +8,8% rispetto all’anno precedente. Ma si preparano a un 2012 più difficile, con un calo delle presenze del 4% e volume d’affari complessivo in flessione del 5% (-9% per singola azienda). Sono le cifre illustrate oggi da Agriturist (Confagricoltura), che ha presentato oggi la Guida 2012, giunta alla 37/ma edizione. E se nel 2011, dopo un 2010 disastroso, la domanda di agriturismo ha conosciuto un boom di 9 punti percentuali (a fronte di un settore turistico nel suo complesso praticamente fermo), nel 2012 Agriturist prevede invece una flessione del 4%, soprattutto a causa della continua emorragia degli italiani, con il portafoglio sempre più alleggerito (per gli effetti della prossima Imu bisogna aspettare i prossimi mesi, dice Brancaccio). Per fortuna sono in aumento i turisti stranieri, “trasportati in Italia soprattutto dalle compagnie low cost”, evidenzia la presidente Agriturist, Vittoria Brancaccio Sempre più breve però la durata del soggiorno, poco più di 4 giorni in media (ma a Pasqua molte struttura hanno avuto prenotazioni di una sola notte); il costo medio del pernottamento a persona é tra 30 e 40 euro. L’anno in corso vedrà i fatturati aziendali in calo del 9%, stima Agriturist. Oltre 82% degli agriturismi offre alloggio, per un totale di 206mila posti letto. Poco meno della metà fa ristorazione, per 385mila posti a tavola. Sempre più diffusa la degustazione di prodotti tipici (+12,8%), segno che l’attività è “una potente valorizzazione dei prodotti locali e della vendita diretta che sempre più strutture praticano” dice Brancaccio. In aumento anche le attività culturali (+7,9%), l’equitazione (+5,8%), le escursioni naturalistiche e ambientali (+26%), la bici (+21,2%), corsi vari su mondo rurale, compresi i corsi di cucina (+102%). Saldamente al primo posto tra le regioni per numero di agriturismi è la Toscana (con oltre 4mila aziende), insegue il Trentino (3.340), ma le crescite più significative sono state messe a segno nel 2010 da Puglia (+26,6%), Calabria (+21,6%), Lazio (18,2%), Umbria (13), Emilia Romagna (12,5%). (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.