La birra vola, ma le tasse pesano

birra 1 Oltre 13 milioni di ettolitri prodotti, 144.000 posti di lavoro e un valore aggiunto di 3.253 milioni di euro. Sono i numeri della birra Made in Italy. Un comparto che molti pensano residuale e che invece conta parecchio nell’economia italiana, basti pensare che il Bel Paese produce più birra di Irlanda e Austria che bionde e rosse le hanno nel dna.
A fotografare il settore è uno studio di Ernst & Young diffuso da Assobirra nel quale si evidenzia come ad avere il segno più sia anche l’export che ha toccato il milione e mezzo di ettolitri crescendo del 77% rispetto a 4 anni fa e come lo Stato incassi dal settore piu’ di 4 miliardi di euro.
Non bastasse l’Italia è anche terza in Europa, dopo Germania e Gran Bretagna, per numero di impianti produttivi ormai a quota 292. In particolare sono cresciuti in modo esponenziale i microbirrifici (attualmente 278) e il settore da’ lavoro a 4.000 persone (+48% rispetto al 2004) che arrivano a 144.000 con l’indotto.
Esattamente come il valore aggiunto derivante dalla produzione, pari a 280 milioni di euro che, se se si tiene conto di tutti gli attori collegati a produzione e vendita, diventa di 3.253 milioni di euro. Mentre tra Iva (1.622 milioni), accise (466 milioni) e tasse e contributi sociali di aziende e impiegati (62 milioni), entrano nelle casse dello Stato 2.150 milioni di euro, ai quali vanno sommati i 1.886 milioni di tasse pagate dagli altri settori coinvolti, per un totale che supera i 4 miliardi di euro.
Un settore importante per l’economia e in grande espansione, quindi, che però – afferma Assobirra – è penalizzato da una tassazione sempre piu’ opprimente, tanto che le accise sulla birra in Italia sono ai livelli piu’ elevati di tutta l’Europa continentale. Quanto ai consumi in Italia, nel 2009 sono scesi del 6%. “Un calo che preoccupa – commenta Filippo Terzaghi, direttore di AssoBirra – e dovrebbe far riflettere anche chi, istituzioni e forze politiche, sembra invece tentato di cercare nuove risorse proprio ai danni del settore birrario, aumentandone ulteriormente le imposte sui consumi e sulla produzione”.

Tags:

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.