La castanicoltura europea si rilancia

image002La castanicoltura europea sale alla ribalta nazionale a Bologna con il IV Convegno, organizzato da Areflh, in collaborazione con Regione Emilia Romagna e CSO. Un successo straordinario di pubblico pagante con 230 delegati provenienti da sei Paesi tra cui i più rappresentati sono stati il Portogallo, la Spagna e la Francia.
Luciano Trentini, Vice Presidente di Areflh e promotore ed organizzatore del Convegno spiega le ragioni del successo:
“ Vi è un nuovo forte interesse su questa coltivazione in Europa sia per il mercato fresco che per la trasformazione industriale.
In Europa – continua Trentini – cala la disponibilità di castagne per effetto dei problemi fitosanitari ed in particolare a causa degli attacchi di cinipide che stanno mettendo in seria difficoltà gli impianti.
Abbiamo impianti ancora tradizionali, situati in aree di montagna che presentano molte difficoltà all’introduzione di tecniche avanzate di meccanizzazione delle diverse fasi di lavorazione.
L’innovazione tecnologica potrebbe essere una risposta concreta per ridurre gli elevati costi di produzione del castagno in Italia, attraverso l’introduzione della raccolta meccanizzata ma anche, soprattutto di nuove tecnologie in fase di confezionamento e condizionamento in grado elevare molto gli standard qualitativi dell’offerta italiana.
“L’obiettivo da perseguire – continua Trentini – è quello di garantire un sostegno, anche attraverso la PAC, alle castagne europee, incentivando la ricerca, l’innovazione e la promozione allo scopo di rendere sempre più percepibile al consumatore la differenza importante che esiste tra il prodotto importato da Cina e Corea e la Castanea sativa autoctona del territorio europeo.
Le differenze sia organolettiche che gustative sono molteplici ed è molto importante che vengano riconosciute.
Voglio ringraziare la Regione Emilia Romagna per la sensibilità e l’attenzione rivolta a questa coltura apparentemente marginale – abbiamo scelto l’Emilia Romagna con Areflh, come sede congressuale, proprio per favorire il contatto tra gli operatori su un tema come quello della difesa contro il Cinipide su cui il Servizio Fitosanitario della nostra Regione ha lavorato approfonditamente mettendo a punto un metodo di lotta biologica all’avanguardia in Europa.”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.