La Cina mette il turbo alle importazioni lattiero casearie

latte latticiniÈ la Cina la locomotiva del mercato lattiero caseario mondiale? E in quali direzioni si muoveranno i flussi di latte, polveri, burro, e formaggi? I futures potranno ridurre la volatilità dei listini? A queste domande proveranno a dare risposta i relatori del quarto Dairy Forum di Clal, piattaforma di analisi del sistema lattiero caseario fondata da Angelo Rossi e riferimento a livello internazionale per gli operatori.
Il Dairy Forum si terrà il prossimo 30 maggio a Bardolino (Verona) e vede Fieragricola, rassegna internazionale di Veronafiere dedicata all’agricoltura e alla zootecnia (in programma nel febbraio 2016), partner dell’evento che richiama l’attenzione di tutti i più qualificati player italiani.

Cina senza freni.
Alcuni dati recenti, riportati sul sito www.clal.it, dicono che le importazioni cinesi sono schizzate in alto in misura considerevole nel giro di 12 mesi. Il burro, ad esempio, ha registrato un boom del 254,49 per cento, con la Nuova Zelanda a rappresentare il principale fornitore (12.983 tonnellate lo scorso marzo, seguita dagli Stati Uniti a distanza siderale, con appena 616 tonnellate).
Balzo in avanti del 72,4 per cento l’import di polvere di latte scremato: 13.296 tonnellate arrivano dalla Nuova Zelanda, che si conferma Paese con una produzione rocciosa e un export estremamente dinamico, in special modo nel Far East asiatico; seguono gli Stati Uniti con 5.840 tonnellate, ma trova spazio – seppure con 1.921 tonnellate, alle spalle dell’Australia (2.905 ton) – la Germania.
Viaggiano a ritmi sostenuti anche le importazioni del Dragone (+61,13 per cento a marzo di quest’anno, su base tendenziale) di polvere di latte intero. Un mercato nella sua quasi totalità coperto dai neozelandesi, seppure con la presenza certificata di prodotto proveniente dall’Australia, Argentina e Uruguay.
Sul versante dei formaggi, lo scorso marzo la Cina ha importato il 21,9 per cento in più rispetto allo stesso mese del 2013. I principali flussi caseari provengono dal tridente formato da Nuova Zelanda, Australia e Usa. Ma non manca la presenza – per quanto limitata – dei formaggi italiani. Le 164 tonnellate esportate a marzo 2014 rappresentano il valore più alto in termini numerici degli ultimi 15 mesi, da gennaio 2013.
Il mercato cinese, dunque, rappresenta un’opportunità da sfruttare e un Paese da esplorare per i produttori italiani, tenuto conto che ogni mese l’import di formaggio segna proiezioni positive: +110,6 per cento a febbraio 2014 su base tendenziale, +66 per cento a gennaio 2014, +43,1 per cento a dicembre 2013 rispetto al dicembre del 2012, per citare il periodo più recente.

Non solo Cina: attenzione ai Paesi «Asean» e «Mint».
Il futuro del lattiero caseario Made in Italy va oltre il target della Cina e spazia verso l’area dell’Asean (Association of South-East Asian Nations), associazione cui aderiscono Vietnam, Malesia, Indonesia, Filippine, Singapore, Tailandia, Brunei, Laos, Birmania e Cambogia. Allo stesso tempo, sta incontrando sempre maggiore interesse per l’export italiano di formaggi anche il Medio Oriente, i Paesi del Golfo Persico e i «Mint», acronimo che si riferisce alle nuove economie emergenti: Messico, Indonesia (legata, come abbiamo visto, all’Asean), Nigeria e Turchia.

I relatori del Dairy Forum di Clal.
Al Dairy Forum di Bardolino, che sarà moderato dal vicedirettore di Radio24, Sebastiano Barisoni, interverranno: Emanuele Balliana, produttore latte di Arborea
(Gestione dell’allevamento bovino da latte in Sardegna), Holger D. Thiele, professore all’Università di Kiel (Germania) e all’Ife (Institute of Food Economics), con una relazione sul mercato lattiero-caseario nel mondo e in Europa.
Di futures in Europa e in Italia, strumento particolarmente indicato nel contenimento della volatilità dei mercati lattiero caseari, parlerà Charles Piszczor, direttore dell’area Commodity Research and Product Development di Cme (Chicago Mercantile Exchange), gruppo di riferimento a livello mondiale.
A esaminare sotto la lente il mercato lattiero caseario nei Paesi in via di sviluppo penserà Michael Griffin, Senior Policy Officer della FAO. Fra le capitali di un mercato emergente a livello mondiale c’è l’India, della quale parlerà al Forum di Bardolino R. S. Sodhi, managing director di Amul, una delle cooperative lattiero casearie più importanti del continente asiatico.
Il presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, Paolo De Castro, toccherà invece il tema della nuova Pac e la volatilità dei prezzi; mentre Francesco Biella di Iri illustrerà lo scenario relativo ai consumi di formaggi in Europa.
In scaletta anche la relazione di Liu Yan, vicepresidente di Mengniu Dairy Group, relativa al mercato lattiero-caseario in Cina e la strategia di Mengniu Dairy.
Attenzione anche alla gdo con Francesco Pugliese, direttore generale di Conad. Parlerà di una missione nei confronti del consumatore e il titolo dell’intervento sarà “Scegliere certezze”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.