La crisi costringe le famiglie a cambiare menù

centro commerciale 2La crisi economica continua a pesare sulle tavole degli italiani e il 60% delle famiglie modifica il menu’ a tavola nel segno del risparmio. Lo afferma la Cia (Confederazione italiana agricoltori) che sottolinea che nel primo semestre si e’ registrato un aumento dei consumi dello 0,3 per cento rispetto allo stesso periodo del 2008, quando si era avuta una preoccupante caduta. Le previsioni per l’intero anno indicano ugualmente un dato debole, +0,2 per cento. Una situazione che ha spinto il 60 per cento delle famiglie a modificare il proprio menu’, il 35 per cento a limitare gli acquisti, il 34 per cento ad optare per prodotti di qualita’ inferiore. Nel dettaglio, nei primi sei mesi dell’anno ci sono state contrazioni nella domanda di derivati dei cereali (-2,8 per cento), dovute soprattutto al pane, ai primi piatti surgelati e ai biscotti dolci, mentre continua a tenere la pasta. Si registrano flessioni anche per la carne bovina (-2,6 per cento) e avicola (-3 per cento), per l’olio di oliva (-2,7 per cento) e per i vini e spumanti (-2,9 per cento). Restano, invece, invariati gli acquisti domestici di carne suina, salumi e ortaggi. Una domanda piu’ vivace si e’ avuta per il latte e i derivati del latte (piu’ 0,8 per cento), in particolare i formaggi e lo yogurt. In forte crescita i consumi di frutta che hanno segnato un piu’ 4,8 per cento. La spesa per generi alimentari e bevande – sottolinea al Cia – e’ attestata, sempre nel primo semestre, su 475 euro, circa 9 euro in piu’ rispetto ai 466 euro registrati nell’analogo periodo del 2007. E’ continuata ad aumentare la percentuale di famiglie che acquistano generi alimentari presso gli hard-discount anche se il supermercato rimane comunque il luogo di acquisto prevalente (68,1 per cento), soprattutto nel Centro-Nord (oltre il 70 per cento).

Tags: ,

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.