La crisi non sconfigge il cenone della vigilia. Cia: si spenderanno 3,2mld

A Natale la crisi economica ‘taglia’ regali e viaggi ma non il cenone della vigilia. Nonostante le tredicesime più leggere e i rincari al dettaglio di alcuni prodotti, le famiglie non rinunceranno alle tradizioni e il carrello alimentare delle festività si riempirà di cibo e bende, per lo più di qualità, per circa 3,2 miliardi di euro. Lo afferma la Cia, Confederazione italiana agricoltori, secondo la quale il budget dedicato all’enogastronomia delle feste registrerà appena l’un per cento in meno del 2010. Secondo i primi dati di una rilevazione effettuata dalla Cia, solo il 19% degli italiani spenderà meno per cibo e bevande, mentre ben l’81% lascerà praticamente inalterato il budget per il cenone della vigilia e per i pranzi di Natale e Santo Stefano. Più in dettaglio, ogni famiglia sborserà in media 140 euro per imbandire le tavole del 24, 25 e 26 dicembre. Con una spesa complessiva stimata in 3,2 miliardi di euro, solo l’1% in meno del 2010. Si restringe invece il portafoglio per i doni natalizi che, sempre secondo l’organizzazione degli agricoltori, subiranno una flessione del 3,5% rispetto all’anno scorso, mentre quelle per i viaggi diminuiranno fino al 7%. “D’altra parte – ricorda la Cia – la convivialità a tavola é assolutamente radicata nella cultura del Belpaese. E trascorrere i giorni di Natale a casa con la famiglia o gli amici è una tradizione consolidata per nove italiani su dieci. Ecco come sarà ripartita la spesa alimentare delle feste natalizie: carni e salumi (18,5%); pesce (11,8%); pasta e pane (14,2%); formaggi e uova (13,1%); ortaggi, conserve, frutta fresca e secca (15,3%); vini, spumanti e altre bevande (14,7%); pandori, panettoni, torroni e dolci in generale (12,4%). (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.