La crisi pesa ancora, ma le aspettative migliorano

La crisi continua a pesare sul ‘sentiment’ delle aziende agricole italiane. Anche se qualche miglioramento si rileva in termini di aspettative, seppure in un quadro di incertezza alimentato, piu’ di recente, dai timori di un aumento dei costi di produzione. E’ quanto emerge dalla prima indagine Ismea, l’Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare, relativa al terzo trimestre 2010, sul clima di fiducia delle aziende agricole italiane. Lo studio – viene spiegato in un comunicato – e’ stato illustrato da Unioncamere e Regione Lombardia. Le indicazioni raccolte da Ismea su un panel di 900 operatori del settore primario rivelano che la ripresa, seppure avviata in diversi settori, compresa l’industria manifatturiera, non sembra ancora coinvolgere appieno le aziende agricole, anche se il giudizio sugli sviluppi congiunturali, che resta prevalentemente negativo, appare in lieve recupero rispetto al terzo trimestre dell’anno scorso. A livello settoriale emergono comunque alcune differenze nelle valutazioni espresse dai produttori. Viene delineato in particolare un quadro meno negativo, rispetto alla media generale, per le aziende vitivinicole, al pari di quanto rilevato per le altre coltivazioni legnose e per gli allevamenti. Sul versante delle vendite nel terzo trimestre del 2010 le aziende segnalano, su base annua, una riduzione generalizzata delle quantità commercializzate. Non emergono, invece, variazioni sostanziali negli impieghi di manodopera in agricoltura rispetto al precedente periodo, con previsioni stazionarie anche per l’ultima parte dell’anno. “Con l’estensione delle indagini Panel alle aziende agricole abbiamo integrato il mosaico degli strumenti a disposizione di Ismea per misurare il clima di fiducia presso gli operatori della filiera agroalimentare”, ha detto il direttore generale di Ismea Egidio Sardo. ”Non ci sorprende – ha aggiunto – che l’uscita dalla crisi stia avvenendo, per le imprese agricole, a piccoli passi e con qualche difficoltà oggettiva, insita negli elementi strutturali della nostra agricoltura, primi fra tutti la ridotta dimensione delle aziende, l’età media dei conduttori ancora troppo elevata e la scarsa propensione a investire”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.