La cucina toscana: tra ribollita e pappa al pomodoro

Queste le istruzioni per una RIBOLLITA autentica : Fate un battuto di cipolla, sedano e carota e soffriggetelo in olio d’oliva.Quando la cipolla schiuma, aggiungete 1 cavolo verzotto grossolanamente tagliato e, appena questo comincia a cuocere e si è appassito, unite 2 patate tagliate a tocchetti e 4-5 zucchini pure tagliati a tocchetti. Quando anche questa verdura si è ammorbidita, aggiungete una tazza di buona salsa di pomodoro, mescolate perchè questa si amalgami agli altri ingredienti e unite un paio di mazzetti di bietola (circa 400 gr.), 2 mazzi di cavolo nero e circa 2 etti di fagioli toscani, bolliti e passati. Fate cuocere a fuoco lento per almeno 1 ora e 1/2 e a circa mezz’ora dalla fine della cottura, aggiungete 200 gr. di fagioli bolliti, basilico e pepolino (e il timo ma quello di campagna). Intanto affettate in una zuppiera 1/2 kg. di pane toscano raffermo, versateci sopra la minestra bollente e fate riposare fino al giorno dopo. Prima di andare in tavola, rimettete il tutto al fuoco e fate bollire per 10-15 minuti.
Per la PAPPA AL POMODORO invece prendete del pane, casalingo e meglio ancora se toscano, di quello scuro, raffermo di qualche giorno. Spezzatelo o tagliatelo a fette e mettetelo in un tegame di terra con abbondante olio d’oliva, un paio di spicchi d’aglio, un rametto di salvia fresca, sale e pepe, e un poco d’acqua. Ponete al fuoco e, appena l’acqua bolle, cercate di spezzare ancora il pane con il mestolo di legno. Aggiungete acqua via via che si assorbe, seguitando a “pestare” il pane, fino a che questo risulti completamente impregnato e sminuzzato. Aggiungete ora una tazza o più a seconda della quantità di pappa che vorrete preparare (la salsa deve essere abbondante e la pappa risultare di un bel colore rosso vivo) di salsa di pomodoro ottenuta bollendo tutti gli odori con i pomodori, passando il tutto e quindi rimettendo a bollire con olio, sale e pepe. Fate bollire adagio per più di 1 ora, fino a che il pane si sia quasi sciolto nell’umido, aggiungendo un poco d’acqua solo se la minestra rischia di attaccare perchè la pappa deve essere molto densa.
Ancora piu’ semplice e povera , la cosiddetta “Pappa Contadina” , pane raffermo fatto a pezzi ,in un tegame con olio,aglio e pomodoro, con un bicchiere d’acqua. Far bollire, e appena il pane e ‘ cotto, aggiungere il soffritto di mezza cipolla , e un uovo sbattuto. Mescolare velocemente e servire appena l’uovo si e’ rappreso.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.