La maturità si prepara anche a tavola

Fettuccine_al_ragùUno studente su tre abusa del caffè nei giorni che precedono l’esame, mentre il 20 per cento si presenta all’appuntamento con una colazione non adeguata e quasi uno su quattro non si astiene dal fumare. E’ quanto afferma la Coldiretti, che ha formulato alcuni consigli “antistress” per la settimana decisiva per gli esami di maturità che provocano ansia e insonnia in molti studenti. Fare un po’ di attività fisica – sottolinea Coldiretti -, passeggiare in compagnia, non andare a dormire tardi ma soprattutto alimentarsi in modo regolare in famiglia senza stravizi e scegliendo il menu giusto puo’ aiutare ad ottenere risultati migliori. Un contributo per vincere la preoccupazione viene dagli alimenti ricchi di sostanze rilassanti come pane, pasta o riso, lattuga, radicchio, cipolla, formaggi freschi, yogurt, uova bollite, latte caldo, frutta dolce e infusi al miele che favoriscono il sonno e aiutano l’organismo a rilassarsi. Da evitare, perché possono provocare insonnia e agitazione, sono invece caffè, patatine in sacchetto, salatini e cioccolata, oltre ai superalcolici che inducono un sonno di qualità cattiva con un difficile risveglio. Infine – conclude la Coldiretti – un buon dolcetto di incoraggiamento ricco di carboidrati semplici ha una positiva azione antistress, così come infusi e tisane dolcificati con miele che creano un’atmosfera di relax e di piacere che distende la mente e la rende più pronta a rispondere alle sollecitazioni degli esaminatori.
Da non dimenticare, secondo Aidepi, l’Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane, pane e pasta. “Alcune ricerche scientifiche, come lo studio condotto presso la Tufts University di Boston, hanno dimostrato che l’eliminazione dalla propria dieta di pasta, pane e carboidrati, può costituire un serio rischio per la memoria e la capacità di concentrazione” – afferma infatti Aidepi. “La pasta, inoltre, è un importante agente antistress, perché favorisce il rilascio della serotonina. Agli individui soggetti a un particolare stress, come può essere un esame, il livello degli zuccheri nel sangue si alza e si abbassa rapidamente, in modo irregolare. Gli zuccheri assunti, invece, sotto forma di carboidrati complessi, come quelli che si trovano appunto nella pasta, rilasciano gli zuccheri in modo lento, aiutando a ritrovare il giusto equilibrio”. “Il cervello è la nostra centrale operativa, invia, riceve e interpreta i messaggi. Per fare tutto ciò, consuma ben il 20% delle calorie ingerite ogni giorno e ha bisogno di un apporto regolare di zuccheri attraverso il sangue – aggiunge il nutrizionista Pietro Antonio Migliaccio – Per farlo funzionare al meglio, è quindi utile non farsi mancare i carboidrati a lento rilascio di zuccheri, contenuti soprattutto in pasta, patate, pane e cereali”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.