La nuova moratoria dei debiti salva 25 mila imprese agricole

Con la nuova moratoria dei debiti si evita il ‘crac’ per 25 mila piccole e medie imprese agricole. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, nel giorno della sigla definitiva dell’accordo per il credito alle Pmi tra Abi, ministero dell’Economia e associazioni di categoria. ”La moratoria e’ uno strumento concreto – commenta il presidente della Cia, Giuseppe Politi – per supportare le aziende ancora in crisi di liquidita’ e oberate dagli effetti economici dello tsunami finanziario. Un problema molto sentito dal settore primario, che e’ gravato da costi burocratici e produttivi in crescita e prezzi non piu’ remunerativi. Tanto che ad oggi due imprese agricole su tre sono gravate da debiti e due su dieci non riescono piu’ a fronteggiarli, con il rischio di finire nella rete dell’usura e della criminalita’ organizzata”. Attualmente ”l’indebitamento del mondo agricolo con le banche – ricorda Politi – si attesta a 37 miliardi di euro, anche se per la maggior parte si tratta di debiti a breve termine. Una situazione che deriva anche dalle difficolta’ degli istituti di credito nell’assistere le Pmi agricole. Ora, dunque, e’ indispensabile che ci sia un avvicinamento tra mondo bancario e Pmi del comparto, un atteggiamento diverso e piu’ aperto alle esigenze degli agricoltori”. ”Ma l’assenza di credito – conclude il presidente della Cia – porta anche a una riduzione delle risorse a disposizione per ricerca e sviluppo. Nel 2010, ad esempio, la poca liquidita’ a disposizione degli agricoltori ha portato a un calo degli investimenti imprenditoriali nel comparto del 3,5 per cento”.
Delle circa 190mila imprese che hanno ottenuto la moratoria nel periodo compreso tra il 3 agosto 2009 e il 31 dicembre 2010 quelle agricole sono il 14 per cento. Ad affermarlo i dati di un’ analisi della Coldiretti dalla quale emerge anche che gli impieghi a favore delle Pmi in Europa rimarcano che Italia e Francia nell’ultimo anno hanno assorbito dal sistema bancario maggiori risorse rispetto agli anni precedenti con un aumento del 4 per cento e del 5,4 per cento, contrariamente a quanto accaduto in Germania dove, nonostante un Pil in forte crescita, i finanziamenti bancari alle Pmi hanno subito una riduzione pari allo 0,3 per cento. In Italia – sottolinea Coldiretti – gli investimenti e gli impieghi bancari nel corso del 2010 sono cresciuti grazie alla dinamiche delle Pmi in particolare del settore edilizia e agricoltura. Gli investimenti in agricoltura hanno registrato nel 2010 un buon livello di crescita mettendo a segno un aumento del 4,8 per cento contrariamente a quanto e’ avvenuto per il settore commercio e servizi, che ha registrato una flessione dello 0,8 per cento e dell’industria, che ormai da quasi un triennio ha visto drasticamente ridotti i volumi di impiego bancario. Su questi scenari – conclude Coldiretti – oltre alle dinamiche sono mutate le durate delle consistenze, ovvero il trend di crescita dei finanziamenti con durata superiore ai 5 anni che hanno registrato un aumento del 4 per cento circa, mentre gli affidamenti con durata inferiore ai 5 anni d’ammortamento hanno drasticamente subito una frenata con un calo del 4,4 per cento.

Un Commento in “La nuova moratoria dei debiti salva 25 mila imprese agricole”

  • Giovanni Fava scritto il 17 febbraio 2011 pmgiovedìThursdayEurope/Rome 20:03

    Ma voi sindacalisti ce lo avete il coraggio di guardarvi allo specchio? Ancora che insistete col dire che noi agricoltori stiamo bene, che i nostri bilanci sono in crescita? Certo, dovete per forza dire così altrimenti come potreste giustificare i vostri stipendi da centinaia di migliaia di euro che ogni mese estorcete al mondo agricolo, VERGOGNATEVI, ma al posto vostro io non starei più tanto tranquillo soprattutto osservando quello che sta succedendo in Egitto,Marocco, Libia,Iran, sono sicuro che succederà anche in Italia, purtroppo, è solo questione di tempo e la causa siete voi sindacati che non tutelate le vostre categorie ma solo le vostre tasche.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.