La Puglia chiede al Governo lo stato di crisi per l’agricoltura

olivi Puglia Il Consiglio regionale della Puglia, a conclusione di una seduta monotematica sulla crisi del settore dell’agricoltura, ha approvato all’unanimita’ un ordine del giorno con il quale si sollecita il governo ad emanare il decreto per lo stato di crisi. L’approvazione e’ avvenuta in un’aula gremita di agricoltori. Una folta delegazione – in una pausa dei lavori dell’assemblea regionale – e’ stata ricevuta dai presidenti del Consiglio, Pietro Pepe, e della giunta, Nichi Vendola, e da numerosi consiglieri regionali, di maggioranza e di opposizione. Nelle scorse settimane gli agricoltori pugliesi sono scesi piu’ volte nelle piazze con i trattori, soprattutto nel foggiano e nel barese, chiedendo iniziative per fronteggiare la grave situazione di crisi. ”L’agricoltura – ha detto Vendola – e’ il tema del mondo, sul quale ricade la globalizzazione, ad aggravare una crisi sempre piu’ grave, gia’ nell’ambito di una recessione paragonabile soltanto a quella del 1929”. E spaventa, secondo Vendola, il silenzio che e’ calato, anche da parte delle Tv, su quello che stanno vivendo gli agricoltori e i lavoratori piu’ in generale. Con l’ordine del giorno si impegna il presidente della giunta regionale e tutta la giunta a chiedere al governo, al presidente del Consiglio dei ministri, al presidente del Senato, al presidente della Camera dei deputati di attivare le procedure per l’emanazione del decreto con il quale dichiarare lo stato di crisi del comparto agricolo e delle sue produzioni, per porre gli imprenditori agricoli nelle condizioni di beneficiare di quanto disposto dalla legge 29 aprile 2005 n.71 e della legge 231/2005, cioe’ la sospensione del pagamento dei contributi previdenziali. Si chiede ancora di ”dare attuazione alla piattaforma di proposte congiunturali, gia’ approvata all’unanimita’ da tutte le regioni d’Italia in seno al comitato agricolo nazionale, traducendola in azioni concrete e adeguatamente finanziate, non solo attraverso le risorse previste nella prossima legge finanziaria dello Stato”. L’assessore regionale alle risorse agroalimentari, Dario Stefano, nel corso della seduta ha ricordato che la giunta regionale ”ha stanziato risorse aggiuntive rispetto al 2009 per il comparto agricolo per 40 milioni di euro, di cui 13 destinati alla concessione di aiuti alle imprese agricole per aiuti in conto esercizio o sull’indebitamento”.
Sotto l’aspetto economico l’agricoltura pugliese realizza una produzione oscillante tra i 3,5 e i 4 miliardi di euro, partecipando per circa l’8% alla formazione della produzione nazionale e contribuendo per piu’ del 6% al Pil regionale. La superficie agricola utilizzata in Puglia e’ di oltre 1.200.000 ettari, pari al 60% dell’intero territorio pugliese. Oltre un terzo delle aziende agricole pugliesi hanno un’estensione inferiore ad un ettaro e oltre il 60% inferiore ai due ettari. ”In totale – ha detto l’assessore Stefano – parliamo di 245.000 aziende. La scarsa attrattivita’ occupazionale e residenziale del settore e’ dimostrata – ha concluso – dal rapporto di 1 a 10 tra gli imprenditori under 35 e gli over 65”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.