La “rivoluzione verde” di Confagricoltura

Obiettivo 2050, anno in cui la popolazione della Terra quota 9 miliardi e la produzione agricola dovra’ aumentare del 70 per cento rispetto ad oggi. E’ la sfida di fronte alla quale si trova l’agricoltura italiana europea e mondiale ed e’ su questo tema che si e’ aperta la sessione inaugurale del Forum di Confagricoltura Academy, in corso a Taormina.
“E’ il momento di una nuova rivoluzione verde, importante quanto quella degli anni 60-70 – ha detto il presidente di Confagricoltura Mario Guidi aprendo i lavori – ed altrettanto decisiva per il futuro del Pianeta. Ma mezzo secolo fa gli abitanti della Terra erano 3 miliardi, ora sono piu’ che raddoppiati”. Pero’ per concretizzare la rivoluzione verde occorre prima di tutto risolvere alcune questioni fondamentali”. Nel corso dei lavori si sono ricordate quindi le problematiche piu’ attuali: i tassi di incremento delle produzioni agricole sono sempre piu’ bassi; e’ aumentata la consapevolezza della necessita’ di un uso sostenibile delle risorse proprio mentre si acuisce la competitivita’ sulle risorse naturali sempre piu’ scarse (l’acqua e la terra, con il fenomeno del land grabbing). In questo contesto la fiducia dei produttori di materie prime agricole diminuisce anche a causa della maggiore instabilita’ dei mercati – influenzata pure dalla accresciuta finanziarizzazione dell’economia e da nuove produzioni non food che incidono sul rapporto domanda/offerta – e degli effetti dei cambiamenti climatici che complicano ancora di piu’ la possibilita’ di programmare le produzioni. (AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.