La Terra è sempre più rovente, verso un 2015 da record

Siccità terrenoLa conferma ufficiale che il 2014 è stato l’anno più caldo sul Pianeta è arrivata meno di una settimana fa, e il record sembra già vacillare: se continua di questo passo, il 2015 vincerà il titolo. Ne sono convinti gli esperti dell’Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica (Noaa), l’agenzia federale Usa per la meteorologia, secondo cui nei primi sei mesi dell’anno la colonnina di mercurio è salita come mai negli ultimi 136 anni.
Stando ai dati diffusi dal Noaa, dopo i record di febbraio, marzo e maggio scorsi anche giugno ha raggiunto la temperatura mondiale più alta dal 1880: 16,33 gradi, 0,88 gradi sopra la media del XX secolo e 0,12 gradi in più del precedente primato, segnato nel giugno 2014. Con 14,35 gradi, inoltre, il primo semestre dell’anno si è confermato il più rovente. Per Jessica Blunden del Noaa “è quasi impossibile che il 2015 non sarà l’anno più caldo mai registrato”, battendo il primato che appena pochi giorni fa 413 scienziati di 58 nazioni avevano attribuito definitivamente al 2014 nel rapporto ‘State of Climate’ diffuso dall’American Meteorological Society. In questo quadro di progressivo surriscaldamento del Pianeta, luglio non sembra essere da meno, almeno guardando alle nostre latitudini.
Per i meteorologi del centro Epson Meteo, nei prossimi giorni l’Italia resterà sotto l’influenza dell’Anticiclone Nord-Africano, col suo carico di aria bollente che continuerà a favorire un clima dalle caratteristiche tropicali sulla terraferma e pure in mare. Le acque intorno alla Penisola sono al momento le più calde di tutto il Mediterraneo, paragonabili al Mar dei Caraibi, e manterranno una temperatura tra i 26 e i 30 gradi, ossia 3-5 gradi sopra la media. A scottare sono anche le città, con temperature massime che in alcuni centri sfiorano i 40 gradi. Milano, ad esempio, nel mese in corso viaggia per ora a quasi 5 gradi oltre la media storica, “un’anomalia di temperatura simile a quella registrata nell’agosto 2003 che con molta probabilità”, dice 3bmeteo.com, decreterà “il luglio più caldo nella storia meneghina”. E in campagna la situazione non è migliore. Ammonta ad almeno 200 milioni di euro – secondo Coldiretti – il conto dei danni causati in un mese dal caldo africano nelle campagne italiane, tra ortaggi, frutta e mais ‘bruciati’, cali di produzione di latte e uova, maggiori costi energetici e di irrigazione. (di Laura Giannoni – ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.