L’agricoltura intensiva riduce la biodiversità. Aiab, la Pac non aiuti modelli insostenibili


E’ un quadro “preoccupante” quello che emerge dallo studio “Frammentazione del paesaggio in Europa” (Landscape fragmentation in Europe) dell’Agenzia Europea dell’Ambiente (Eea) in collaborazione con l’Ufficio Federale dell’Ambiente Svizzero (Ufam), presentato ieri. Secondo il Report, che analizza il grado di frammentazione del paesaggio europeo, “le forze trainanti della crescente suddivisione del paesaggio del Vecchio Continente, agricoltura intensiva e massiccia presenza di infrastrutture sul territorio innanzitutto, stanno portando vicino al punto di non ritorno la sopravvivenza della fauna e della flora nostrana determinando il completo disfacimento del paesaggio naturale europeo”. I dati dello studio dell’Eea “dimostrano una volta di più, qualora ce ne fosse bisogno, l’insostenibilità del modello agroindustriale. Un modello che ha distrutto il paesaggio europeo e desertificato i nostri territori rurali, che è totalmente dipendente dall’energia fossile e non ha futuro”, commenta il presidente nazionale dell’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica (Aiab), Andrea Ferrante, sottolineando che questo “impone di scegliere una nuova Pac che rimetta al centro un’agricoltura familiare e di piccola scala, sostenibile, basata sul metodo biologico”.
Lo studio dell’Eea evidenzia in modo sistematico le forze determinanti della frammentazione, dimostrando la variabilità dei fattori nelle diverse parti d’Europa. “Il risultato amaro – spiega l’Aiab – è che le attività umane, come l’eccessiva diffusione di infrastrutture e i metodi di coltivazione intensivi, frammentando il territorio, interrompono percorsi naturali di migrazione e spostamento, determinando un crescente isolamento fra le popolazioni animali”. La costruzione dei passaggi per la fauna selvatica, secondo lo studio, non sarà sufficiente a salvare le popolazioni perché la quantità di habitat a disposizione e la loro qualità sono sin d’ora troppo limitate per via della presenza combinata di strade e di coltivazioni intensive. In questo scenario, secondo il Report, “l’attuazione di una politica di deframmentazione (incremento e sostegno allo sviluppo rurale, aggiornamento, e non costruzione, della viabilità esistente) volta alla tutela della biodiversità porterebbe ad una riduzione del trend della crescente frammentazione e dello spopolamento della fauna europea”. “Di fronte all’eccezionale crisi economica, ambientale e sociale in corso – continua Ferrante – l’agricoltura basata sulla sovranità alimentare, caratterizzata da una nuova centralità per la figura dei contadini-produttori e da modelli di produzione ecosostenibili come l’agricoltura biologica, rappresenta un’opportunità unica per uscire da questo stato di crescente disfacimento. L’uso dei fondi della Pac – conclude il presidente di Aiab – deve immediatamente cambiare e smettere di tenere in vita un modello agroindustriale che non ha più ragione di esistere”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.