Latte, Coldiretti Piacenza: rischia produzione Grana Padano

Il Grana Padano è il formaggio dop più consumato al mondo. Il 2011 ha fatto registrare il record storico di oltre 4.500.000 forme prodotte, un incremento del 7,2% circa che si aggiunge all’ottimo andamento delle esportazioni, cresciute ancora di circa il 5% arrivando a circa 1.400.000 forme. Ma a fronte di questi dati positivi, non corrisponde maggiore rimuneratività per le aziende agricole. “Purtroppo – sottolinea il presidente dell’Associazione Piacentina Latte (Coldiretti), Fabio Minardi – proprio in questi giorni assistiamo a prese di posizione assurde da parte dei nostri industriali. I prezzi proposti pare siano di 37 centesimi, ben 4 in meno rispetto al prezzo di riferimento pagato fino al 31 marzo scorso, per un litro di latte. Spero vivamente che siano solo ‘voci di piazza’, perché se così non fosse significherebbe che tutta quella intenzione di valorizzare le nostre produzioni e il nostro Grana Padano sono solo ‘belle parole’, cui però non seguono i fatti”. Per portare esempi concreti, “Granarolo il cui latte ritirato viene destinato al mercato del fresco ha proposto prezzi che sfiorano i 40 centesimi ai propri conferenti e i nostri industriali per il Grana Padano ci offrono 37 centesimi”. “Così di certo non si può andare avanti”, ribadisce il presidente di Coldiretti Piacenza Luigi Bisi: “significa voler far scomparire le aziende agricole e una nostra eccellenza”. “Vorrei fare solo un semplicissimo esempio”, prosegue Minardi. “Ognuno di noi spende 1 euro per una tazzina di caffé il cui contenuto è di circa 0,03 litri (circa 30 millilitri), ma gli industriali propongono a noi allevatori 37 centesimi, ossia circa 1 terzo, per 1 litro di latte (1000 millilitri di latte). Penso non servano altri commenti”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.