Latte: dal 15 novembre ritiro quote aggiuntive a chi non ha pagato


Dal 15 novembre partiranno le procedure di ritiro delle quote aggiuntive eventualmente assegnate, dopo che la Ue aveva dato all’Italia circa 750.000 tonnellate di quote di produzione ‘in piu”, sei i produttori debitori di ”prelievi esigibili” non si saranno messi in regola. Lo rende noto l’Agea, nel sottolineare che e’ richiesto, entro i termini di legge, il versamento di quanto da loro dovuto o, in alternativa, la loro adesione alla nuova forma di rateizzazione introdotta dalla legge 33 del 2009. In mancanza di una delle due forme di pagamento del debito, la legge prevede appunto la revoca delle quote aggiuntive eventualmente assegnate. A questo punto – precisa l’Agea – sono pervenuti a scadenza i termini di legge per la regolarizzazione delle posizioni di tutti coloro che hanno ricevuto l’intimazione di pagamento relativamente ai debiti maturati fino alla campagna 2007-2008. ”In considerazione della gravita’ delle conseguenze che le procedure esecutive e di ritiro delle quote avranno sui produttori, il Commissario straordinario per le quote latte, Paolo Gulinelli, reputa – conclude la nota – di dover effettuare un’ulteriore scrupolosa e approfondita verifica sull’entita’ del debito dei produttori di latte. Ritiene inoltre che tale particolareggiato esame sara’ concluso entro il 15 novembre 2010, data a partire dalla quale prenderanno avvio le procedure stesse”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.