Latte: dopo-quote,tavolo in Italia

latte 1”L’Unione europea si faccia carico del dopo quote mentre a livello nazionale chiediamo un Tavolo per presentare alcune ipotesi di lavoro, dalla moratoria dei mutui a trovare il sistema per ridurre la produzione di latte alla luce del difficile contesto che stiamo vivendo”. Lo ha detto Giampiero Calzolari, presidente di Granarolo e coordinatore nazionale del settore lattiero-caseario dell’Alleanza delle Cooperative italiane, in occasione dell’assemblea annuale di Legacoop agroalimentare. Gli ultimi dati del settore del latte registrano un calo del 10% dei consumi a gennaio a fronte di una produzione in eccesso del 5%. ”Abbiamo immaginato che non sia più utile il prezzo di intervento dell’Ue perché di fatto va a favorire i paesi del Nord Europa e non noi – ha detto Calzolari – bisogna quindi lavorare sulla qualificazione del biologico, capendo innanzitutto che il latte non è un ‘di cui’ del Made in Italy ma è il Made in Italy”. Secondo il coordinatore, la parola d’ordine è fare massa. ”Occorre ristrutturare il nostro sistema delle imprese che è eccessivamente polverizzato sia a valle che a monte per poter essere competitivi – ha detto Calzolari – avendo dalla nostra il made in Italy che ci apre le porte e quindi puntare meno sul latte e più sui prodotti lattiero-caseario”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.