Latte Puglia; Coldiretti, basta rinvii sul prezzo

”E’ inaccettabile l’ennesimo rinvio del ‘Tavolo latte’ per la definizione del prezzo del latte alla stalla, a causa di motivazioni pretestuose addotte dai trasformatori”. Lo spiega il presidente della Coldiretti Puglia, Pietro Salcuni, commentando in una nota il rinvio della riunione che l’assessore regionale alle Risorse Agroalimentari, Dario Stefano, ha nuovamente convocato per il 20 ottobre 2010. ”Si tratta – e’ detto ancora nella nota – di un atteggiamento gravissimo, stigmatizzato ufficialmente dallo stesso assessore, che ha fortemente voluto il tavolo di concertazione, quale punto di partenza per avviare percorsi di valorizzazione all’interno della filiera lattiero-casearia. La situazione – aggiunge Salcuni – e’ ormai insostenibile a causa della sordita’ dei trasformatori e si fa sempre piu’ forte la fibrillazione avvertita nel mondo zootenico pugliese. Gli allevatori sono al collasso a causa dell’aumento dei costi di produzione e del ridicolo prezzo riconosciuto loro di euro 0,31 al litro e ben lontano dai 0,46 euro al litro pattuiti con l’ultimo accordo siglato nel 2008, dopo quasi 10 giorni di proteste e presidi”. ”Tra l’altro – spiega il direttore della Coldiretti Puglia, Antonio De Concilio – i trasformatori devono spiegare come mai sono disposti a pagare latte proveniente da nord Italia, Germania, Polonia, Lituania a 0,43/0,46 euro al litro e fino a 0,49 euro al litro, prezzi ben distanti dai 0,31 euro al litro riconosciuti agli allevatori pugliesi”. In Puglia ricorda l’associazione agricola – le aziende zootecniche sono 7.352, la produzione di latte e’ pari a circa 3 milioni di quintali, con un fatturato di oltre 500 miliardi e prodotti caseari di tutto prestigio come ‘il Fior di Latte’. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.