Latte: Unalat lancia l’idea di un marchio per frenare i ribassi


Un marchio, Itala, per il latte di qualita’ tutta italiana, dall’inizio alla fine della filiera. E’ la strategia scelta da Unalat, come sottolineato dal presidente Giovanni Rossi ”per non vedere schiacciati ulteriormente i redditi dei produttori dalla corsa al ribasso dei prezzi del latte generico e per offrire al consumatore un prodotto che e’ garantito da un disciplinare di produzione”.
Un po’ come avviene per il Barolo o l’Amarone Docg.
Il primo marchio di filiera per il latte bovino italiano, realizzato da Unalat, e’ sostenuto dal ministero delle Politiche agricole, con la collaborazione di Buonitalia ed Inran e dei ministeri della Salute e dell’Istruzione quali partner di progetto. Questo primo marchio collettivo di qualita’ non commerciale, una sinuosa mucca con fascia tricolore, e’ ”un passo da pionieri nel mondo del latte”, ha detto Rossi, che e’ stato seguito da dieci aziende lattiero-casearie, dal Friuli a Cosenza, che commercializzano con il marchio ‘a denominazione’ Itala oltre 1,5 milioni di quintali di latte, circa il 10-15% dei volumi commercializzati dal comparto, mentre la quantita’ di latte tracciato si attesta sui 12 milioni di quintali, ”a testimoniare – ha commentato il presidente Unalat – una crescita costante di questo grande progetto di filiera”. In totale sono 21 le aziende che hanno aderito al ‘Programma di tracciabilita’, e 11 altre imprese sono in attesa di verifica per commercializzare con il marchio Itala. ”Questo marchio garantisce al consumatore la possibilita’ di tracciare tutto il percorso di produzione del latte di alta qualita’ esclusivamente prodotto in Italia, nella convinzione che questo distinguo – ha detto infine Rossi – possa spingere il consumatore a spendere anche 1,5 euro per un litro di sicurezza alimentare”.
Per il 2010 Unalat mira ad allargare la base sociale ”fino ad almeno il 50-60% degli operatori”. Oggi in Italia il settore lattiero-caseario raggruppa oltre 42mila aziende, da’ lavoro a 200mila persone e genera un valore annuo di circa 22 miliardi di euro.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.