Lavoro: Coldiretti, c’era una volta il “bamboccione”. Oggi si sogna un posto da spazzino

giovani agricoltoriI giovani italiani sono bamboccioni? Secondo l’ultima analisi Coldiretti/Swg “I giovani e la crisi”, presentata in vista del Piano Giovani del Governo questo luogo comune è ormai superato tempo. Dal dati risulta che il 32% dei giovani sarebbe disposto a pulire le strade pur di lavorare, percentuale che sale al 49% fra quelli in cerca di lavoro, anche se scende al 19% per gli studenti. Il 34 per cento dei giovani – aggiunge la ricerca – accetterebbe un posto da pony express e il 31 da operatore di call center. Anche in questo caso per i disoccupati la percentuale sale al 49 per cento per il posto da pony express e al 39 da operatore di call center. Oltre 4 giovani disoccupati su 10 (43 per cento) sarebbero peraltro disposti, pur di lavorare, ad accettare un compenso di 500 euro al mese a parità di orario di lavoro, mentre il 39 per cento sarebbe disposto ad un maggiore orario di lavoro a parità di stipendio. Le prospettive negative sul futuro fanno sì che la situazione non cambi di molto tra gli studenti. La situazione è profondamente diversa invece per i giovani occupati che solo nel 7 per cento dei casi sono disponibili ad accettare lo stipendio ribassato, mentre nel 23 per cento dei casi sono pronti a lavorare più a lungo. Vista la nera realtà occupazionale – conclude Coldiretti – il 51% dei giovani sotto i 40 anni è pronto ad espatriare per trovare lavoro mentre il 64 per cento è disponibile a cambiare città. Questo perché quasi 3 giovani su quattro ritengono che l’Italia non possa offrire un futuro. Numeri che scendono drasticamente tra i giovani agricoltori che per il 45 per cento pensano invece che l’Italia possa offrire un futuro, forse perché in controdenza le assunzioni nelle aziende agricole crescono del 3,6 per cento rispetto allo scorso anno. Più di un quarantenne su quattro però al momento nel nostro Paese si mantiene grazie alla ‘paghetta’ dei genitori che aiutano finanziariamente i figlioli fino ad età avanzata. Da segnalare che – sottolinea Coldiretti – l’aiuto economico dei genitori continua anche per più di un giovane occupato su quattro che non è comunque in grado di rinunciare al supporto finanziario dei familiari. Questo mentre secondo un altro studio dell’associazione degli agricoltori l’età media della classe dirigente italiana impegnata nelle politica, nell’economia e nella pubblica amministrazione è di 58 anni, la più alta tra tutti i Paesi europei.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.