Lavoro: Uila, Novergia non compra pomodori pelati ‘non etici’

pomodori industriaIn Norvegia i consumatori hanno ridotto il consumo di pomodori pelati in scatola provenienti dall’Italia per protestare contro il lavoro in nero nella raccolta nei campi. Lo ha reso noto il segretario nazionale della Uila, Stefano Mantegazza, che il 18 ottobre prossimo incontrerà a Roma una delegazione sindacale nordeuropeo per fare chiarezza sul caso. “Siamo stati contattati dal sindacato norvegese – rivela Mantegazza prima di un incontro sul lavoro nero in agricoltura promosso dalla Uila di Catania – perché i consumatori del loro Paese dopo avere appreso da giornali e da siti internet che per la raccolta di pomodori in Italia si usano anche braccianti non retribuiti legalmente si rifiutano di comprare i pelati in scatola italiani, di cui facevano un forte consumo” “Abbiamo avviato contatti con le imprese associate a Federalimentare – aggiunge Mantegazza – per potere garantire ai consumatori che il prodotto che troveranno sugli scaffali è eticamente legale”. La Uila ha una proposta per porre rimedio alla situazione. “Stiamo cercando su questo versante, dove il lavoro nero è maggiormente evidente che in altri settori – annuncia Mantegazza – di proporre un marchio che certifichi anche il rispetto dei contratti sociali e delle leggi: una qualità etica” (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.