Le Foreste Casentinesi avvisano “in arrivo modifiche alla raccolta dei funghi”


Il parco nazionale delle Foreste casentinesi torna a ricordare a tutti coloro che intendono raccogliere i funghi nel territorio protetto che le modifiche alla disciplina apportate nella riunione del Consiglio direttivo dell’area protetta giovedi 22 aprile sono in corso di approvazione da parte del ministero per l’Ambiente. Il nuovo regolamento entrerà in vigore, così come prevede la normativa nazionale, successivamente al completamento delle procedure previste.
Risultano al momento vigenti le prescrizioni cui alla deliberazione del Consiglio direttivo del 12 novembre 2009.
Le più importanti sono: sabato e domenica nelle riserve biogenetiche la raccolta è consentita solo ai residenti nei comuni del Parco; lunedi e venerdi si osserva la chiusura totale; martedi, mercoledi e giovedi la raccolta è consentita con ricevuta di versamento di bollettino postale e osservando le quantità regolamentari su tutto il territorio protetto. Sono escluse (sempre) le riserve naturali integrali.
Per informazioni più dettagliate sulla normativa si può scrivere all’indirizzo pianificazione@parcoforestecasentinesi.it.
L’entrata in vigore della nuova disciplina – vincolata alla tempistica amministrativa del dicastero competente – sarà resa nota appena disponibile.

3 Commenti in “Le Foreste Casentinesi avvisano “in arrivo modifiche alla raccolta dei funghi””

  • vincenzo scritto il 4 giugno 2010 pmvenerdìFridayEurope/Rome 20:31

    Ritengo che la diversificazione di trattamento tra residenti e non. Sia da ritenersi incostituzionale, perche il fungatico non lo si può annoverare tra i prodotti costituenti uso civico a favore di una piccola cerchia di residenti che magari non hanno bisogno di integrare il loro reddito e che magari hanno residenza per puro comodo. penso non si possa parlare di importanza per le comunità locali del fungatico, altrimenti bisognerebbe pagare un ticket anche per i tartufi, per la pesca, per la caccia e forse tra poco anche senplicemente per accedere in un territorio. Basta….. i cittadini Italiani sono tutti uguali e devono poter usufruire del territorio rispettando le leggi dello Stato delle Regioni ecc. Ma non di gruppetti di individui che leciferano su ciò che non hanno acquistato con sudori o diritti reali. Non sono della vostra Regione ma in tutta Italia stà nascendo di fatto un sistema che ricorda i vassalli, valvassini e valvassori. E’ questo non lo ritengo giusto, spero di ricevere un riscontro

  • nello scritto il 5 giugno 2010 pmsabatoSaturdayEurope/Rome 14:42

    bastava dire che coloro che abitano fuori la zona interessata non sono graditi. io abito a Latina se voglio passare un fine settimana nelle foreste casentinesi a passeggiare e cercare funghi non posso, perche nei fine settimana è consentita solo ai residenti, complimenti !!!!!
    SACCHI NELLO 3389173188

  • filippo scritto il 30 giugno 2010 pmmercoledìWednesdayEurope/Rome 17:32

    allora per coerenza bisognerebbe mettere una tassa e definire i giorni di trasferta anche per i non residenti che vanno a pescare al mare…bella figura, in italia siamo proprio dei fenomeni..

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.