Lega Pesca ER: sul fermo temporaneo si poteva fare di più

Il provvedimento che ha recentemente varato l’attuazione del fermo temporaneo per il 2010 rappresenta ”una sintesi ragionevole anche se non pienamente soddisfacente per attuare un fermo che sia in grado, nel contempo, di soddisfare sia le esigenze di tutela eco-biologica delle risorse, che quelle di salvaguardia socioeconomica del tessuto produttivo”. A dirlo e’ stato Sergio Caselli, responsabile Lega Pesca Emilia-Romagna. Pur esprimendo il suo voto favorevole, ha spiegato, Lega Pesca ha richiamato l’attenzione sulla necessita’ di prolungare il periodo delle misure tecniche post fermo a 10 settimane, anziche’ otto. ”Cio’ ritenendo insufficienti i 30 giorni consecutivi, ai fini della reale e concreta azione di tutela eco biologica che lo stato di sofferenza delle risorse richiederebbe – ha spiegato – Pur giudicata buona, sono mancate purtroppo le condizioni per vedere accolta tale proposta”. Per Caselli e’ sempre piu’ indispensabile ampliare e dare continuita’ all’attuazione della misura, ”compiendo ogni sforzo per superare le resistenze che, con richieste, denunce e proteste, la categoria manifesta, in forma condivisibile, ma che non puo’ essere sottoscritta perche’ non risponde all’interesse generale del settore”. Il rischio, ha spiegato, e’ ”di sottovalutare un problema che puo’ avere ripercussioni a lungo termine sulla produttivita’ stessa degli ecosistemi, con effetti ulteriormente nefasti sulla redditivita’ di impresa. L’impossibilita’ di rinunciare a questa indispensabile misura gestionale impone alle politiche di governo del settore, sia nazionali che regionali, l’esigenza di farsi carico di un maggiore impegno finanziario, per garantire ad imprese ed imbarcati il ricorso alle diverse tutele socioeconomiche e per garantire l’attuazione di un fermo efficace sul piano della tutela delle risorse e del lavoro”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.